Coronavirus, altri 23 positivi scoperti con lo screening nella ‘zona rossa’

I dati ufficializzati dall’Unità di Crisi. Magliocca: “La situazione rischia di sfuggire di mano”

Ventitré nuovi positivi al coronavirus scoperti grazie ai tamponi a tappeto che l’Asl di Caserta ha predisposto nella “zona rossa” di Mondragone. I dati sono stati certificati dall’Unità di Crisi della Regione Campania: “Si comunica che prosegue lo screening relativo al Comune di Mondragone e zone limitrofe. Al momento sono emersi altri 23 casi, comprensivi di tutti i collegamenti ricostruiti, scaturiti dai tamponi effettuati nelle aree circostanti l'ex Cirio”.

Numeri che racchiudono anche il mini focolaio che è scoppiato in un’azienda di Falciano del Massico, dove la positività di un dipendente ha portato l’Asl a tamponare tutti i colleghi, molti dei quali sono usciti positivi al test per il Covid-19.

Grande preoccupazione per la situazione sanitaria è stata espressa dal presidente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca: “I nuovi casi di Covid-19 in provincia di Caserta sono tra Falciano, Mondragone, Sessa Aurunca e Carinola. La situazione rischia di sfuggire di mano, chiediamo maggiori interventi sanitari, non possiamo continuare in questa direzione. Intanto ho disposto a partire da stasera una serie di sanificazioni per la nostra Provincia, pur non essendo nostra competenza. Non possiamo più aspettare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • L'abbandono, poi le lacrime e l'abbraccio: 'C'è Posta per Te' riunisce padre e figlio del casertano

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Un boato in pieno coprifuoco: bomba esplode davanti a tabacchi

Torna su
CasertaNews è in caricamento