Cronaca Maddaloni

Capannone abusivo sul terreno della Chiesa, i giudici obbligano il Comune ad intervenire

Condannato il silenzio dell'amministrazione di Maddaloni dopo la richiesta dell'Istituto di Sostentamento Clero

Abusi edilizi in un terreno dell'Istituto Sostentamento Clero. Per questo il Tar della Campania ha accolto il ricorso dell'ente ecclesiastico e condannato il comune di Maddaloni ad attivarsi ed adottare i provvedimenti dovuti entro 90 giorni.

I giudici dell'ottava sezione, accogliendo il ricorso presentato dal legale dell'Istituto, l'avvocato Paolo Centore, hanno intimato all'Ente di effettuare le verifiche dovute sia sull'eventuale rilascio di autorizzazioni sia, qualora dovessero emergere profili di abusivismo edilizio, di adottare provvedimenti sanzionatori o repressivi.  Qualora l'inerzia dell'amministrazione dovesse persistere oltre i termini il Tar ha già nominato il Prefetto come commissario ad acta per la prosecuzione dell'iter.

La vicenda oggetto del ricorso riguarda un terreno, in località Masseria Catena, di proprietà dell'Istituto di Sostentamento Clero e dato in locazione ad una società. Qui, senza alcun permesso, sarebbe stato realizzato un capannone. Pertanto l'istituto di Sostentamento Clero aveva diffidato la società chiedendole di esibire un eventuale rilascio di titolo edilizio. Richiesta che è caduta nel vuoto. Così, l'Istituto, avanzava un'istanza propulsiva al Comune chiedendo di effettuare verifiche. Ma anche questa richiesta è rimasta lettera morta fino alla decisione dei giudici. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capannone abusivo sul terreno della Chiesa, i giudici obbligano il Comune ad intervenire

CasertaNews è in caricamento