Cronaca

Asta spezzata e bandiera strappata. “Familiari delle vittime colpite di nuovo” | FOTO

La denuncia del responsabile territoriale dell’associazione nazionale vittime delle Marocchinate

Spezzata l’asta e rubata la bandiera dell’associazione nazionale vittime delle marocchinate nella frazione di Pescopagano a Mondragone.

“I soliti codardi travestiti da eroi, che continuano a danneggiare il nome e l’immagine del nostro territorio, ieri notte hanno spezzato l’asta e rubato la bandiera che l’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate, unitamente all’Associazione Pro Torre di Pescopagano e all’Associazione Quartiere di Pescopagano, avevano deposto il 18 maggio scorso a ricordo delle Vittime delle violenze perpetrate dai militari coloniali francesi nel 1944” dichiara l’avvocato Emilio Pagliaro, responsabile territoriale dell’Anvm.

“Tale atto rappresenta una rappresaglia violenta nei confronti delle vittime delle marocchinate e del loro ricordo nonché un vilipendio a tutto il territorio, rappresentando ancora una volta, tale gesto di inciviltà, la volontà di alcune persone di vedere degradata e abbandonata la località Pescopagano di Mondragone. Sporgerò denuncia contro ignoti presso la locale Stazione dei Carabinieri – prosegue Pagliaro – e grazie alla donazione di un’asta d’acciaio ricevuta dall’Onorevole Marco Nonno, ripristineremo tutto a spese nostre, lasciando per l’ennesima volta, un gesto di civiltà e legalità che possa essere alfiere di quel cambiamento di cui ha bisogno tutto il nostro territorio. L’ignobile atto di questi balordi, ha fatto morire due volte le vittime delle marocchinate e rinnovato il dolore dei familiari”.

Il presidente nazionale Emiliano Ciotti e tutta l’ Associazione Nazionale Vittime delle marocchinate sono rimasti “sbalorditi per il vile gesto e dichiarano che non è la prima volta che hanno subito gesti di questo genere in varie parti d’Italia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asta spezzata e bandiera strappata. “Familiari delle vittime colpite di nuovo” | FOTO

CasertaNews è in caricamento