Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

Aprivano pacchi che dovevano essere spediti e rivendevano la merce dopo averla rubata. In 37 finiscono in manette, 94 gli indagati

Rubavano la merce per poi rivenderla

Sgominata la banda dei magazzinieri. Sono un centinaio di indagati di cui 37 arrestati (14 in carcere, 11 ai domiciliari e 13 obblighi di firma) nell'ambito dell'operazione "Stealing Job" condotta dai carabinieri di Fiorenzuola. Gli arresti sono stati eseguiti a Caserta, Piacenza, Cremona e Lodi. Le accuse sono a vario titolo di peculato, appropriazione indebita, ricettazione e riciclaggio.

Secondo quanto riferiscono i colleghi di Il Piacenza, gli indagati per lo più sono dipendenti della cooperativa di servizi Elpe Global Logistic Services di Torino collegata alla SDA Exspress Courier (azienda del gruppo Poste italiane società a capitale pubblico, e quindi incaricati di pubblico servizio), si appropriavano, per rivenderle a committenti tra i quali pare alcuni negozi delle merci in transito presso il deposito di Monticelli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'azienda, hanno riferito gli inquirenti, era diventata zona franca per gli affari milionari che l'associazione compiva avendo costruito una filiera ben rodata composta da ricettatori, autotrasportatori, magazzini di stoccaggio predefiniti e da chi facendo finta di non vedere ma che avrebbe avuto il compito di vigilare (due guardie giurate) lasciava uscire dal magazzino centinaia di bancali (peraltro all'interno non era nemmeno installato un sistema di videosorveglianza e l'anarchia era sovrana). Un cancro che era arrivato anche a controllare - spiegano dalla procura - le assunzioni e in caso di potenziali richiami l'operaio nel mirino veniva avvisato per tempo. Solo una persona non si è girata dall'altra parte, ha visto cosa succedeva e si è rivolto ai carabinieri: poche ore dopo gli avevano già incendiato l'auto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Treno deragliato, chiuso un tratto dell'A1. Automobilisti 'sequestrati' in autostrada

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Il boato, poi le fiamme in autostrada: tir distrutto e conducente salvo per 'miracolo' | FOTO

  • Muore a 30 anni, Marcianise piange Raffaella

  • Ruspe in azione per abbattere l'ex ospedale militare | FOTO E VIDEO

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento