menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pregiudicato detenuto in casa di lavoro

San Felice a Cancello - I Carabinieri della Stazione di San Felice a Cancello nella serata di venerdì hanno rintracciato e fermato Luigi Tramontano, cl. 1955, di San Felice, gravato da vari precedenti, per sottoporlo alla misura di sicurezza...

I Carabinieri della Stazione di San Felice a Cancello nella serata di venerdì hanno rintracciato e fermato Luigi Tramontano, cl. 1955, di San Felice, gravato da vari precedenti, per sottoporlo alla misura di sicurezza detentiva dell'assegnazione a una casa di lavoro. L'uomo, che è già stato recluso a lungo, dopo essere uscito dal carcere era stato sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata. Le misure di sicurezza hanno lo scopo di consentire il controllo e la risocializzazione di un condannato che ha già subito la detenzione e che, una volta terminata la pena, è ritenuto socialmente pericoloso perché si ritiene probabile che commetta altri reati, pertanto si rende necessario adottare misure idonee a neutralizzarne la pericolosità. Essendo in stato di libertà vigilata, il Tramontano era soggetto a controlli frequenti da parte dei Carabinieri di San Felice e doveva attenersi a varie prescrizioni impostegli con la citata misura, tra le quali il divieto di frequentare pregiudicati, oltre all'ovvio divieto di commettere altri reati. I Carabinieri a seguito dei vari controlli che hanno eseguito nel corso degli ultimi mesi lo hanno segnalato varie volte al magistrato di sorveglianza per la frequentazione di pregiudicati e per più episodi di minacce, percosse e aggressioni ai propri familiari, anche in stato di ubriachezza, chiedendo che la misura a cui era sottoposto fosse aggravata. Pertanto il Tribunale ha revocato la misura di sicurezza della libertà vigilata, meno afflittiva, per sostituirla con quella detentiva dell'assegnazione a una casa di lavoro. Questa misura in prima approssimazione è paragonabile alla carcerazione, considerato che in questi istituti il regime è di normale detenzione. I Carabinieri dopo averlo cercato per tutto il giorno lo hanno accompagnato presso la casa lavoro di Sulmona, dove dovrà rimanere per almeno un anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento