menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100210065245_sequestro

20100210065245_sequestro

Gdf sequestra una tonnellata di sigarette di contrabbando: 4 arresti

Caserta - I Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Aversa hanno messo a segno tre distinte operazioni di servizio in San Nicola la Strada, Santa Maria a Vico e presso la barriera autostradale di Napoli Nord, tese al contrasto del...

I Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Aversa hanno messo a segno tre distinte operazioni di servizio in San Nicola la Strada, Santa Maria a Vico e presso la barriera autostradale di Napoli Nord, tese al contrasto del contrabbando di tabacchi lavorati esteri.
Quattro cittadini ungheresi sono stati fermati dai Baschi verdi a bordo di due autovetture ed un furgone, ove è stata rinvenuta e sottoposta a sequestro complessivamente una tonnellata di sigarette di contrabbando marca CLASSIC e CHESTERFIELD.
Le due autovetture fermate sono risultate prive di carichi di copertura, mentre nel furgone - per sviare i controlli delle Forze di Polizia - era stato ricavato sotto il pianale un doppio fondo, che solamente grazie alla perizia dei militari operanti è stato possibile scoprire.
L'inasprimento delle pene nei confronti dei contrabbandieri, pensate dal legislatore per arginare e combattere il fenomeno, non spaventa le organizzazioni che, come avviene nel settore degli stupefacenti, utilizzano quali corrieri soggetti in evidente stato di bisogno che, per poche centinaia di euro, si assumono la responsabilità degli interi carichi.
La quantità di manovalanza reperibile a buon mercato e la disponibilità di mezzi pesanti rendono le perdite dei sodalizi criminali in argomento meno onerose rispetto al passato.

Le sigarette rinvenute e sottoposte a sequestro dalle Fiamme Gialle sono particolarmente ricercate sul mercato in quanto vendute a prezzi notevolmente ridotti (circa 20 euro a stecca).
La diversità dei luoghi in cui sono avvenuti i sequestri lanciano un segnale significativo d'allarme per il territorio. Alla stessa stregua di come avviene per il settore degli stupefacenti ove le organizzazioni di etnia africana hanno preso il monopolio, anche per quanto riguarda il contrabbando di sigarette si registra un "business" di matrice estera gestito da cittadini prevalentemente di origine ucraina e ungherese presenti nella provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento