rotate-mobile
Cronaca Via Luigi Fabricat

Rissa nel bar, picchiato barista: arrestato

Il pregiudicato della zona è stato arrestato dalla Squadra Volante

La Squadra Volante della Polizia di Stato di Caserta, diretta dal dirigente Michele Pota, ha proceduto questa mattina, poco dopo le 12, all’arresto del 40enne R.F. Durante un servizio di controllo del territorio gli agenti venivano allertati dalla sala operativa che in via Fabricat, a Puccianiello, in corrispondenza del bar Pieretti, vi era una persona che stava creando problemi al personale del locale e ai clienti.

Gli operanti constatavano la presenza di un gruppetto di persone presenti all’esterno del bar, in corrispondenza dell’attiguo ufficio postale, i quali facevano capannello attorno ad altre due persone che erano intente a litigare tra loro con scambi verbali molto accesi.

In particolare veniva notato un ragazzo, dipendente del bar con relativa divisa, il quale veniva aggredito e minacciato verbalmente al punto tale da spaventarsi ed impallidire in viso; la controparte con fare aggressivo, non curante della presenza della polizia, minacciava il dipendente del bar arrivando quasi ad aggredirlo fisicamente. A questo punto e per evitare il peggio gli agenti sono intervenuti con non poche difficoltà visto lo stato di rabbia incontrollata in cui versava l’utente del bar letteralmente inferocito.

Il soggetto in escandescenza, R. F., sorvegliato speciale e pregiudicato della zona, già conosciuto agli operanti, assumeva e manteneva un atteggiamento ancor più violento rivolgendosi con fare minaccioso, oltraggioso ed altamente aggressivo all’indirizzo degli agenti.

Visti i toni assunti da R.F., la non volontà a collaborare e le affermazioni diffamanti fatte all’indirizzo della polizia tutta e degli agenti (in presenza di una moltitudine di clienti e curiosi), è stato quindi richiesto l’ausilio di altre due volanti. Gli agenti intervenuti, riuscivano dopo diverso tempo e con non poche difficoltà, causa la resistenza attiva posta in essere da R.F., a condurlo sulla volante. Il soggetto a questo punto, non pago del trambusto scatenato nella mattina di Natale, colpiva violentemente e svariate volte il vetro della vettura pretendendo di uscire dalla stessa e poi simulando un attacco di cuore in suo danno.

Bel rispetto delle procedure previste, gli agenti provvedevano ad aprire la portiera, sebbene non vi fossero problematiche di ossigenazione nella vettura, ma nonostante ciò il soggetto continuava nel suo atteggiamento violento strattonando gli agenti per l’ennesima volta e catapultandosi all’esterno dell’abitacolo per poi appoggiarsi sull’opposto marciapiede sempre continuando ad inveire contro tutti gli operatori di Polizia intervenuti.

Nella simulazione di malessere personale e nelle fasi in cui R.F. veniva informato che di lì a poco sarebbe intervenuto personale del 118, lo stesso improvvisamente “guariva” continuando con ancora maggior foga, rabbia e cattiveria ad attaccare senza mezzi termini gli agenti. Sulla scorta degli accadimenti accorsi, della personalità del soggetto e dei precedenti penali e di polizia a suo carico, si procedeva a trarre in arresto R. F. per i reati a lui ascritti.

Dell’avvenuto arresto si dava immediata comunicazione al pm di turno presso la Procura della repubblica di Santa Maria Capua Vetere, il quale disponeva la sottoposizione agli arresti domiciliari del malfattore in attesa di rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa nel bar, picchiato barista: arrestato

CasertaNews è in caricamento