Cronaca

Caso Pasqualino, ossa e vestiti trovati in un muro di cinta

Marcianise - Sarebbero stati trovati interrate in un muro le ossa ed i vestiti trovati ieri dai carabinieri. Le indagini, iniziate il 20 maggio scorso, mirano a far luce sulla scomparsa del piccolo Pasqualino Porfidia avvenuta 24 anni fa. Stamane...

154207_viaarno_scavi_ltd

Sarebbero stati trovati interrate in un muro le ossa ed i vestiti trovati ieri dai carabinieri. Le indagini, iniziate il 20 maggio scorso, mirano a far luce sulla scomparsa del piccolo Pasqualino Porfidia avvenuta 24 anni fa. Stamane le operazioni di ricerca sono continuate palmo palmo all'interno di un muro di cinta dell'abitazione dove viveva la famiglia di Pasqualino che affaccia nel campo agricolo. Sull'intera indagine gli inquirenti stanno mantenendo un riserbo strettissimo. Non ci sono più i vigili del fuoco e nemmeno l'esperto cane, Orso, addestrato dalla Polizia di Stato per le ricerche di residui molecolari che ieri avrebbe individuato il muro poi in parte abbattuto. Da stamane, come era prevedibile, numerose troupe televisive (Sky, Rai, Mediaset ed altre tv locali) sono stazionate lungo via Tevere, l'unica strada accessibile rimasta. Via Arno è completamente interdetta sia ai cittadini che alla stampa. Il campo è proprio quello, in fondo alla via Arno che, all'epoca della scomparsa di Pasqualino, veniva utilizzato dai ragazzini del rione per giocare a pallone, così come confessato anche dal fratello del Porfidia. A monitorare e dirigere tutte le operazioni di scavi c'è il magistrato titolare dell'indagine pm Alessandro Di Vico. Nella mattinata si è notata anche la presenza del comandante della polizia municipale di Marcianise accompagnato da un funzionario del Comune che assieme ai carabinieri hanno ispezionato un palazzo che si trova nelle vicinanze di via Tevere e che attualmente sarebbe sotto sequestro penale. Di vitale importanza, per il prosieguo delle indagini, sarà l'esito delle analisi che si stanno effettuando sui frammenti ossei e sui resti dei vestiti ritrovati. In particolare bisognerà verificare la corrispondenza tra il dna presente sui reperti con quello della famiglia di Pasqualino. Secondo la denuncia presentata dai genitori al momento della scomparsa, Pasqualino indossava un "maglione viola con una pezza di colore giallo sulla spalla sinistra", poi pantaloni verdi, mentre ai piedi portava dei mocassini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Pasqualino, ossa e vestiti trovati in un muro di cinta

CasertaNews è in caricamento