Cronaca

Higuain, 'Il tuffo della discordia': polemica tra De Laurentiis, Asl e sindaco di Capri

Capri - Un tuffo che sta scatenando polemiche a non finire in questo fine estate ed inizio campionato. Uno scambio di accuse ed una richiesta di danni da parte del patron del Napoli De Laurentiis al sindaco di Capri, all'Asl ed alla Regione...

062429_higuain_tuffo_capri

Un tuffo che sta scatenando polemiche a non finire in questo fine estate ed inizio campionato. Uno scambio di accuse ed una richiesta di danni da parte del patron del Napoli De Laurentiis al sindaco di Capri, all'Asl ed alla Regione Campania per un soccorso non adeguato ed una prestazione sanitaria che secondo il presidente del Napoli non sarebbe stata adeguata. Stiamo parlando del ferimento da parte dell'attaccante del Napoli Gonzalo Higuain che lunedì scorso è stato protagonista di un incidente al largo dell'isola di Capri mentre effettuava un bagno con gli amici su uno yacht. Il giocatore si è ferito dopo un tuffo che lo ha costretto alle cure del presidio ospedaliero Capilupi dove è stato necessario applicargli alcuni punti di sutura.
Le accuse di De Laurentiis vengono però rispedite al mittente dal direttore generale dell'Asl Napoli 1 Centro Ernesto Esposito: "Il signor Gonzalo Gerardo Higuain ha ricevuto tutta l'assistenza del caso. Da personale altamente qualificato e con grande efficienza. Sono del tutto incomprensibili dunque le dichiarazioni del presidente del calcio Napoli, Aurelio De Laurentiis che evidentemente parla con scarsa conoscenza, siamo pronti a tutelare l'azienda e il personale". ''In merito ai soccorsi, per la parte sanitaria fa fede la scheda di intervento, che indica alle 12,44 la chiamata effettuata dalla motovedetta della Guardia Costiera su cui veniva trasportato Higuain, alle 12.45 la partenza dell'ambulanza dall'ospedale Capilupi di Capri che e' giunta sul molo alle 13 ed ha fatto ritorno in ospedale alle 13.20''. ''Se ne deduce - prosegue la relazione - che l'azione di soccorso del 118 è stata immediato ed efficace''. Per le contestazioni sulla qualità delle prestazioni la relazione spiega che ''il Capilupi, già allertato dell'arrivo di Higuain e' dotato di servizio di triage, immediatamente ha identificato l'entità delle ferite con codice giallo.

''Si tratta di una dichiarazione avventata da un non competente''. Cosi' il sindaco di Capri, Ciro Lembo, commenta le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che chiede al Comune e alla Regione Campania un danno da 100 milioni di euro dopo l'incidente avvenuto ad Higuain ieri nell'isola azzurra. ''Riguardo il risarcimento danni potremmo valutare di chiederli noi e l'Asl per le sue dichiarazioni, per completare i lavori all'ospedale Capilupi''.
''I politici - aveva detto De Laurentiis a Sky - devono avere una lezione perché sono stanco del fatto che non abbiamo presidi medici di livello. A Capri può arrivare un calciatore, un attore, ma anche un turista qualsiasi, avere un incidente come quello capitato ieri: va in ospedale dove non gli sanno mettere i punti. Ma il sindaco di Capri che ci sta a fare, il presidente della Regione che ci sta a fare se non riesce a coltivare una perla come Capri? A Capri puo' arrivare una barca con a bordo persone da miliardi di dollari e se succede qualcosa del genere che figura facciamo? Ma nemmeno in Africa avviene questo''.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Higuain, 'Il tuffo della discordia': polemica tra De Laurentiis, Asl e sindaco di Capri

CasertaNews è in caricamento