rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità Marcianise

Dopo 78 anni la città conoscerà i morti della Seconda Guerra Mondiale

Sono complessivamente 123 fra caduti e dispersi

Dopo 78 anni Marcianise conoscerà i nomi dei suoi cittadini Caduti nella Seconda Guerra Mondiale. Il sindaco Antonio Trombetta ha inviato al Commissario Generale per le Onoranze ai Caduti di Roma una nota per ricevere l’elenco nominativo, in quel periodo il territorio del Comune di Marcianise abbracciava anche la città di Capodrise, soppressa dal regime fascista nel 1928 e tornata comune autonomo solo nel 1946, di tutti i marcianisani rimasti vittima nel secondo conflitto mondiale. I loro nomi, sono complessivamente 123 tra caduti o dispersi, fino ad ora erano ancora sconosciuti e quindi non riportati, come invece dovrebbe essere, in nessun luogo simbolo o monumento del territorio.

L’Amministrazione Comunale promuoverà iniziative per rafforzare anche questo aspetto della memoria locale, individuando un’area dove installare una lapide per rendere pubblico l’elenco. Inoltre, con la collaborazione del presidente dell’Associazione Risvegli Culturali, Donato Musone, e dei suoi giovani volontari, fondamentali sin da questa prima fase per il recupero delle identità dei Caduti, sarà avviato un lavoro di ricerca per mettere a disposizione dei cittadini e dei ricercatori interessati i dati numerici della partecipazione dei marcianisani al primo e secondo conflitto mondiale. Un’operazione che vuole restituire attenzione a un momento storico particolarmente buio, segnato dalla tragedia della guerra e delle morti, ma anche far conoscere le storie personali, dandogli così un volto, delle migliaia di soldati che partirono dal territorio del Comune di Marcianise per il fronte nella guerra.

“Conoscere la storia – ha affermato il sindaco Trombetta – è l’unica strada, non solo per i giovani, per acquisire consapevolezza delle ragioni che determinarono quei terribili conflitti e condividere e promuovere i valori della Pace. E’ un processo necessario, indispensabile, che dovrà coinvolgere le scuole, per determinare anche in questo senso la crescita della nostra Comunità. Il nostro obiettivo, in modo più generale, è di restituire, attraverso la loro valorizzazione, tanti aspetti dimenticati della nostra città, rilanciando iniziative sospese da molti anni e sostenendone altre nuove che rafforzino e promuovano l’identità, la storia e ogni aspetto della cultura locale”.

I nomi dei caduti

Accarrino Salvatore (1915), Albano Leopoldo (1909), Amoroso Giuseppe (1915), Andrisani Gaetano (1886), Baranzato Elpidio (1920), Barecchia Giovanni (1917), Bellopede Giuliano (1921), Bizzarro Giuseppe (1915), Boccagna Francesco (1921), Boccagna Michele (1917), Braccio Bartolomeo (1912), Brillantino Vincenzo (1912), Bucci Giustiniano (1915), Califano Domenico (1909), Campanile Tommaso (1909), Carrino Raffaele (1912), Carta Domenico (1921), Carusone Angelo (1922), Catalano Antonio (1915), Cecere Gaspare (1914), Colella Manlio (1920), Colella Mariano (1909), Colella Vincenzo(1917), Comando Domenico (1913), Corbesato Orlando (1922), Corniola Luigi (1917), Crispino Michele (1918), Cuccaro Giuseppe (1914), De Filippo Pasquale (1922), Del Bene Angelo (1908), Delli Curti Antonio (1920), Delli Paoli Giacomo (1911), Delli Paoli Giuseppe (1922), Dergano Saverio (1910), Di Carluccio Domenico(1900), Di Fuccia Andrea (1918), Di Fuccia Felice (1922), Di Fuccia Giuseppe(1919), Di Giovanni Salvatore (1921), Evandina Marcello (1923), Fabozzi Pasquale (1920), Fabozzi Salvatore (1922), Farina Domenico (1927), Ferraro Giuseppe (1917), Fiore Domenico (1918), Foglia Pasquale (1915), Gaglione Domenico(1919), Gaudino Giovanni (1920), Giammaico Lorenzo (1915), Gionti Giuseppe (1911), Golino Alessandro(1912) Golino Antonio (1912) , Grillo Giulio (1914), Grimaldi Angelo (1916), Grimaldi Domenico (1924), Grimaldi Gaetano (1919), Iadicicco Annibale (1921), Iannotta Giovanni Battista (1901), Iodice Lorenzo (1905), Iodice Nicola (1917), Iuliano Giuseppe (1922), Lasco Domenico (1902), Lasco Vincenzo (1903), Laurenza Domenico (1902), Letizia Giuseppe (1922), Letizia Pasquale (1922), Letizia Pasquale (1919), Madonna Arcangelo (1916), Maietta Antonio (1914), Maietta Domenico (1885), Maietta Francesco (1920), Maietta Nicola (1921), Marchesiello Nicola (1921), Marino Angelo (1919), Marino Michele (1908), Martone Francesco (1919), Merola Pasquale (1909), Mezzacapo Angelo (1921), Moretta Giovanni (1913), Moretta Pasquale (1914), Moretta Simmaco (1920), Moriello Saverio (1915), Musone Andrea (1913), Musone Giuseppe (1914), Nicolo' Gabriele (1915), Novelli Alessandro (1915), Ostia Domenico (1919), Palmieri Francesco (1918), Palmiero Antonio (1918), Perrino Alessandro (1919), Petruolo Luigi (1921), Pezzella Antonio (1919), Piccirillo Giuseppe (1921), Pontillo Pietro (1917), Pontillo Raffaele (1921), Ricciardi Vincenzo (1924), Riverso Otello (1918), Russo Carlo (1919), Russo Gaetano (1919), Sagliano Antonio (1908), Sagliano Donato (1908), Salzillo Andrea (1917), Salzillo Francesco (1920), Salzillo Giuseppe (1921), Salzillo Giuseppe (1919), Salzillo Raffaele (1917), Santoro Ignazio (1912), Savastano Francesco (1918), Schiavo Raffaele (1921), Tartaglione Biagio (1915), Tartaglione Francesco (1922), Tartaglione Gabriele (1908), Tartaglione Giovanni (1910), Tartaglione Giuseppe (1919), Tartaglione Giuseppe (1922), Tartaglione Pasquale (1910), Tartaglione Pasquale (1918), Tartaglione Pasquale (1908), Tartaglione Pietro (1911), Tartaglione Raffaele(1922), Terulli Francesco (1921), Valentino Pasquale (1917), Zarrillo Pasquale (1920).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo 78 anni la città conoscerà i morti della Seconda Guerra Mondiale

CasertaNews è in caricamento