Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

La prima volta di un vescovo al rione Vanvitelli: Lagnese entra nella storia del quartiere popolare | VIDEO

Lagnese ha inaugurato il campo di calcio alla presenza di un emozionato sindaco Marino

Da area simbolo di degrado ed emarginazione a luogo di rinascita ed aggregazione. E’ la parabola del rione Vanvitelli di Caserta, il primo quartiere popolare costruito nel Capoluogo di Terra di Lavoro, con 411 appartamenti di cui solo circa una trentina vuoti, che vede concretizzarsi il percorso di rivalutazione e riqualificazione voluto dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Carlo Marino. Nel cuore del complesso di edilizia residenziale pubblica è stato infatti inaugurato il campo di calcetto costruito grazie ad un finanziamento ottenuto dal Ministero dell'Ambiente guidato dall'allora ministro Sergio Costa.

"Fratelli tutti": è questa la denominazione data al campetto affidato dal Comune di Caserta alla Parrocchia del Buon Pastore, di cui è parroco don Antonello Giannotti, e che sarà gestito in collaborazione con l'Associazione Volontari del Rione Vanvitelli. Come il titolo della terza enciclica di Papa Francesco, scritta nel suo ottavo anno di pontificato e firmata il 3 ottobre 2020. Ciò a testimonianza del grande valore della fratellanza e dell'amicizia sociale che il campo di calcetto rappresenta. "Vogliamo che questo sia lo spirito che animi tutte le attività che andremo a proporre - ha detto don Antonello nel corso dell'inaugurazione - Poi vogliamo che sia il campo di tutti, senza discriminazioni di sesso, razza, lingue e popolo. Infine non vogliamo che sia semplicemente un campo di calcio e basta, che dà risultati, ma che sia un luogo di crescita e promozione umana. E qui è importante salvaguardare tre cose: il primato dell'uomo, dunque lo sport per l'uomo e non viceversa, altrimenti diventerebbe un campo di battaglia; il primato della vita, dunque no a tutto ciò che potrebbe pregiudicare la vita e la salute delle persone; infine il primato dello spirituale, l'uomo non è solo corpo ma anche spirito".

Presente all'inaugurazione anche il sindaco Marino, accompagnato dal vice sindaco Pasquale Antonucci e dai consiglieri comunali Andrea Boccagna e Gianni Comunale. Il primo cittadino, visibilmente emozionato, a tratti in lacrime, ha ripercorso tutti i suoi ricordi legati all'ex campo di calcio in terra battuta del rione Vanvitelli, rimarcando l'obiettivo per cui è stato realizzato il campetto: "Dare un luogo di crescita ai nostri giovani".

Ad inaugurare il campetto nel rione Vanvitelli, insieme al sindaco Marino e a don Antonello Giannotti, il vescovo di Caserta monsignor Pietro Lagnese che ha invocato la benedizione del Signore sul campo e sulle famiglie del quartiere. Si tratta di una visita storica: è la prima volta che un vescovo mette piede nel rione Vanvitelli. "Sono molto contento di essere qui stasera - ha affermato il vescovo Lagnese - Il mio desiderio è quello di poter entrare nelle case delle famiglie di questo quartiere e visitarle. Lo sport ci insegna che la vita è un gioco di squadra, dunque non possiamo interpretarla come solisti. E ciò che noi inauguriamo oggi è il frutto di un gioco di squadra. Ci auguriamo che iniziative così si possano ripetere nella nostra Diocesi, perchè solo così potremo costruire un mondo più giusto e più solidale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La prima volta di un vescovo al rione Vanvitelli: Lagnese entra nella storia del quartiere popolare | VIDEO

CasertaNews è in caricamento