menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100410101805_rifiuti

20100410101805_rifiuti

Abbandono rifiuti, partono le ronde del sindaco e del vice sindaco

Marcianise - Armati di guanti, accompagnati dalla polizia municipale e dagli operatori ecologici in servizio: così, nella mattina del 9 aprile, il sindaco Antonio Tartaglione, ed il suo vice Paride Amoroso hanno perlustrato alcune zone urbane al...

Armati di guanti, accompagnati dalla polizia municipale e dagli operatori ecologici in servizio: così, nella mattina del 9 aprile, il sindaco Antonio Tartaglione, ed il suo vice Paride Amoroso hanno perlustrato alcune zone urbane al fine di verificare lo stato dell'ambiente, sgomberare i rifiuti giacenti e sanzionare i trasgressori.
Ambedue gli esponenti del locale governo sono scesi in campo in prima persona per dire no in maniera forte all'inciviltà dei vandali che continuano ad abbandonare illecitamente nettezza, deturpando ed inquinando l'intero territorio. Insieme a loro, nell'accurato sopralluogo, c'erano: il responsabile dell'ufficio ecologia, Giuseppe Sagliano; la comandante della polizia municipale, Guglielimina Foglia, insieme a due agenti; ed Alessandro Petruolo, cittadino marcianisano ed attivo ambientalista.
La congrua pattuglia ha ispezionato tutta l'area antistante la locale casa cimiteriale, e i viottoli ad essa retrostanti, rilevando la presenza di numerosi rifiuti speciali abbandonati, nonché di cumuli di sacchetti, immediatamente raccolti dall'autocompattatore. La seconda tappa è stata in località Groia , nei pressi del deposito Acms, dove lo spettacolo presentatosi ha inorridito gli astanti, che hanno tempestivamente adottato i provvedimenti del caso. Il giro si è concluso sullo spiazzale di via Gemma, sul quale insistono delle campane, frequente meta di sversatori illegali.

Ai trasgressori individuati sono state comminate elevate sanzioni pecuniarie, così come previsto dal prospetto approvato negli scorsi mesi dalla giunta comunale. Alcune delle aree ispezionate sono state poste sotto sequestro.
Quello del 9 aprile è solo il primo di una serie di sopralluoghi che il primo cittadino ed il suo vice intendono effettuare periodicamente sull'intero territorio comunale, al fine non soltanto di rilevare in maniera diretta le condizioni dell'ambiente, ma anche di lanciare un segnale importante, che possa fungere da deterrente contro eventuali e nuovi vandali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scooter contro auto, muore ragazzo di 17 anni

  • Cronaca

    Arrestato il consigliere comunale Danilo D'Angelo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento