Ambiente

Contestazione al convegno 'Oltre la Terra dei fuochi per una Campania terra Felix'. Erano presenti i ministri Orlando e Martina

Castel Volturno - Si è svolto ieri, presso l'Aula Magna del Centro di Formazione Nazionale del Corpo forestale dello Stato, il convegno "Oltre la Terra dei fuochi per una Campania terra felix. Strumenti, strategie e politiche per il risanamento e...

071939_convegno_interrotto_terrafuochi

Si è svolto ieri, presso l'Aula Magna del Centro di Formazione Nazionale del Corpo forestale dello Stato, il convegno "Oltre la Terra dei fuochi per una Campania terra felix. Strumenti, strategie e politiche per il risanamento e la tutela dei territori". All'incontro, organizzato dal Corpo Forestale e da Legambiente, partecipano oltra al ministro della Giustizia Andrea Orlando, i ministri dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, e delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti e i procuratori della Repubblica di Napoli, Napoli Nord e Santa Maria Capua Vetere.

Alcuni cittadini di Chiaiano, quartiere di Napoli che ospita una discarica aperta negli anni scorsi ma ormai chiusa perché satura, ha interrotto per qualche minuto i lavori del convegno. . Alcune donne e uomini hanno urlato di non fidarsi più dello Stato dopo che recenti inchieste della magistratura hanno appurato che i lavori dello sversatoio di Chiaiano erano stati appaltati ad aziende vicine ai clan camorristici. "Dove era lo Stato quando si costruiva Chiaiano? Eppure ci garantirono che non ci sarebbero stati problemi per la nostra salute sia Berlusconi che Bertolaso - hanno urlato dalla platea - eppure c'era l'Esercito a presidiare. Noi cittadini eravamo i nemici mentre la camorra lavorava. Non ci fidiamo più di nessuno". I manifestanti avevano esposto anche alcuni fogli che sono stati, però, portati via dagli agenti della Digos. La calma è rientrata dopo qualche minuto facendo proseguire i lavori."C'è bisogno che il Senato approvi subito la normativa sugli ecoreati" ha spiegato il ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Il ministro ha ricordato che la normativa è già stata approvata da un ramo del Parlamento e che necessita il via libera dal Senato. Tra gli obiettivi c'è l'introduzione del reato di disastro ambientale. La legge sulla Terra dei fuochi, approvata qualche mese fa dal governo Letta "può sempre essere migliorata, intanto però va attuata" ha continuato Orlando. Nel corso del suo intervento il ministro ha ricordato il lavoro compiuto, soprattutto negli ultimi mesi, con magistrati e associazioni del territorio per raccogliere informazioni utili anche alla predisposizione del decreto sulla Terra dei fuochi.
i cittadini che abitano la cosiddetta Terra dei fuochi ma anche a chi consuma i prodotti coltivati nelle zone a cavallo tra le province di Napoli e Caserta occorre dare "un messaggio di serenità". A dirlo è il ministro per le Politiche agricole e alimentari, Maurizio Martina. Parlando poi del report elaborato proprio sulla Terra dei fuochi, il ministro ha spiegato: "Dobbiamo anche considerare che per lavorare bene e approfondire questi aspetti (riferendosi alle percentuali di terreni contaminati, ndr) dobbiamo anche dare un messaggio di serenità, lo dico per le produzioni agroalimentari campane che hanno subito un effetto che non possiamo banalizzare". "Credo che uno Stato come il nostro sia nelle condizioni di reagire. Continueremo a farlo - ha concluso il ministro - con la logica che non si banalizza nulla, ma si riconosce la delimitazione del tema emergenziale". "Il lavoro dal punto di vista scientifico, del metodo e dell'incrocio dei dati è molto serio. È la prima volta che - ha aggiunto il ministro - siamo di fronte a un'operazione chirurgica integrata su informazioni che hanno sempre viaggiato su binari differenti". "I numeri che abbiamo ci permettono di impostare - ha sottolineato Martina - una strategia di aggressione ulteriore a questo tema grande e importante". A chi gli sottolineava le perplessità avanzate circa la ridotta quantità di terreno giudicato contaminato, pari ad appena il 2 per cento, il ministro ha spiegato: "Francamente a me interessa poco sottolineare la percentuale, ma ribadire che sia iniziato un lavoro molto serio e che si sono fatti passi in avanti molto significativi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contestazione al convegno 'Oltre la Terra dei fuochi per una Campania terra Felix'. Erano presenti i ministri Orlando e Martina

CasertaNews è in caricamento