rotate-mobile
Calcio

Ferrari all'ultimo respiro salva la Casertana

L’Angri va in vantaggio con l’ex Varsi, poi le occasioni fallite favoriscono il ritorno rossoblù

Tre turni al giro di boa, prima della sosta natalizia e dell’avvio del girone di ritorno. Per la Casertana c’è l’ennesimo derby stagionale al Novi di Angri e cerca la continuità di risultati per cercare di scalare posizioni in classifica in vista della fase discendente del torneo. Sono alti gli stimoli della gara e le motivazioni che spingono i falchetti alla ricerca dei tre punti. Per le formazioni di testa – escluso lo scontro diretto tra Paganese e Lupa Frascati – forse quello dei falchetti è il compito più arduo, ma la squadra di Panarelli deve crederci per continuare a sperare. Come ci credono i tifosi che hanno letteralmente bruciato i 100 tagliandi messi a disposizione dall’Angri e accompagneranno i propri beniamini in trasferta, confortati anche dalle condizioni meteo di una giornata che lascia una piccola tregua dopo le piogge dei giorni scorsi.

LE SCELTE. Sanchez apporta tre modifiche allo schieramento presentato nell’ultima vittoriosa partita. Entrano Liguoro, Vitiello e Cassata al posto di Della Corte, Langella e Giordano con questi ultimi che si accomodano in panchina, come pure è presentato tra i rincalzi l’ultimo arrivato, quell’Achille Aracri protagonista delle due gare contro i falchetti nella scorsa stagione quando indossava la casacca della Mariglianese. Panchina anche per Manfrellotti, autore del secondo gol della vittoria contro l’Atletico Uri. Panarelli attinge invece per due terzi agli arrivi dicembrini, schierando in difesa Marco Soprano e in mediana Stefano Manzo. Solo panchina per Antonio Atteo mentre Onazi e Rainone finiscono in panchina. In attacco confermato Ferrari tra Guida e Bollino con Favetta ancora ad osservare in partenza dalla panchina.

PRIMO TEMPO. Animi subito caldi tra le due squadre che non disdegnano di ricorrere al gioco fisico nel tentativo di pressare alti gli avversari e concedere poco alle iniziative offensive. La prima occasione è per i falchetti con Bellanova che para a terra una conclusione di Bollino in seguito a tiro dalla bandierina. Al 7’ si fanno vedere i padroni di casa con Barone che isolato in avanti riesce a mettere in apprensione la retroguardia ospite, senza però alcun costrutto. Si ribalta il fronte e Bollino invita alla conclusione Casoli che viene fermato in angolo. All’11’ il Manzo rossoblù riceve fallo e si incarica di battere la punizione che con un pregevole schema porta alla conclusione ancora Casoli il cui tentativo si alza sopra la traversa. Al 16’ la gara si sblocca: Barone lavora un buon pallone ed infila all’interno dell’area dove si fionda Varsi che prende sul tempo romano ed infila la porta rossoblù. La reazione ospite si materializza con una punizione di Bollino deviata da Ferrari fuori dallo specchio della porta. Al 25’ gli spazi concessi dalla Casertana favoriscono la fuga sulla destra di Barone che serve al centro Varsi, anticipato provvidenzialmente da Paglino. La più ghiotta occasione ospite arriva al 34’ quando Guida se ne va sulla destra, arriva sulla linea di fondo e mette al centro, dove Ferrari conclude debolmente e favorisce il rinvio di Riccio che sventa la minaccia. Al 44’ ci prova Vacca da lontanissimo ma la sua è una ciabattata che si spegne docile tra le braccia di Bellarosa. La frazione si chiude con un tentativo dell’Angri che guadagna un calcio d’angolo che però l’arbitro non fa battere per l’esaurimento del minuto di recupero decretato poco prima.

SECONDO TEMPO. Si riparte senza alcun cambio. L’Angri si rende subito pericoloso con Barone che si libera e spara fuori. La Casertana ribatte al 6’ con un angolo, sui cui sviluppi Guida da buona posizione conclude a lato. Un minuto dopo esterno della rete per Barone che viene lanciato in contropiede da Varsi. La partita si gioca prevalentemente nella zona mediana, con la Casertana che non riesce a penetrare nell’attenta difesa grigiorossa. Al 20’ sull’ennesimo angolo di Manzo Sabatino colpisce di testa spedendo alto. Nelle rare occasioni in cui affondano i falchetti offrono il fianco al contropiede avversario. Comincia la girandola dei cambi coi due tecnici impegnati a sovvertire le sorti dell’andamento della gara. Nelle file di casa si mettono in evidenza Aracri e Manfrellotti che costruiscono anche l’azione del raddoppio, annullato per posizione irregolare di quest’ultimo. Poco incisivi invece quelli di Panarelli, con Vacca e Onazi che solo a sprazzi fanno intravedere le potenzialità del loro spessore tecnico. Al 39’ Casoli pennella per la testa di Ferrari che impegna Bellarosa in una presa bassa. Si corre verso il recupero senza tanti sussulti dall’una e dall’altra parte. E proprio allo scadere del 6’ di extra time arriva il pareggio rossoblù: Guida è testardo a contendere una palla a Riccio nei pressi della bandierina di sinistra, esce vincitore dal duello e si porta verso l’area dove serve Ferrari che spalle alla porta si gira ed infila Bellarosa. Un punto prezioso ma che riduce solo parzialmente le distanze dalla vetta dove Sorrento e Paganese continuano a volare; per l’Angri sfuma una prestigiosa vittoria e con essa l’aggancio in classifica ai falchetti.

ANGRI – CASERTANA              1-1

ANGRI: Bellarosa; Riccio, Manzo L., Liguoro, Pagano; De Rosa (72’ Fiore), Vitiello (84’ Samb), Fabiano; Cassata (79’ Langella), Barone (74’ Manfrellotti), Varsi (65’ Aracri). A disp. Esposito, Alfano, Palladino, Giordano. All. Luigi Sanchez

CASERTANA: Romano, Paglino (56’ Galletta V.), Soprano (79’ Atteo), Sabatino, Cugnata; Vacca (50’ Favetta), Manzo S., Casoli; Guida, Ferrari, Bollino (56’ Onazi). A disp. Prisco, Sena, Tringali, Rainone, Galletta U.  All. Luigi Panarelli

ARBITRO: Enrico Cappai di Cagliari (Matteo Gentile di Isernia e Luca Mocci di Oristano)

 RETI: 16’ Varsi; 96’ Ferrari

NOTE: giornata serena con temperatura gradevole; terreno in buone condizioni; spettatori 800 circa di cui 100 provenienti da Caserta; angoli 7-3 per la Casertana; ammoniti Paglino, Varsi, Riccio, Casoli, Aracri; recupero 1’ e 6’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrari all'ultimo respiro salva la Casertana

CasertaNews è in caricamento