menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20110106062527_Shoot-me-solo-fronte

20110106062527_Shoot-me-solo-fronte

II appuntamento alla mostra Rock! al Pan: NapoLiverpool omaggio ai Beatles

Napoli - Venerdì 7 gennaio 2011 alle ore 17.00 nella Sala "NapoLiverpool – omaggio ai Beatles" all'interno della mostra/evento ROCK! al PAN si terrà l'incontro con lo scrittore JOE SANTANGELO che presenterà il suo ultimo libro intitolato "SHOOT...

Venerdì 7 gennaio 2011 alle ore 17.00 nella Sala "NapoLiverpool - omaggio ai Beatles" all'interno della mostra/evento ROCK! al PAN si terrà l'incontro con lo scrittore JOE SANTANGELO che presenterà il suo ultimo libro intitolato "SHOOT ME! Le Verità dell'omicidio Lennon" . L'incontro - inserito nella serie di appuntamenti culturali nell'ambito della programmazione ufficiale della mostra - sarà moderato da Carmine Aymone e Michelangelo Ioossa, curatori e direttori culturali dell'esposizione.
Cinque anni dopo il thriller di esordio ("Rockiller", 2005) dedicato al Rock degli anni Settanta, la musica - immancabile sottofondo di tutti i romanzi di Joe Santangelo ("Verba manent", 2006; "Il calligrafo", 2007) - torna da protagonista nel primo romanzo documentale sull'omicidio di John Lennon . Perché John Lennon e Mark David Chapman si sono incontrati l'otto dicembre 1980 davanti alla Entrance Hall del Dakota Building di New York, come se avessero concordato un appuntamento? Quali emozioni, pensieri, motivazioni li hanno condotti all'epilogo a tutti noto? In questo thriller documentale il campo di osservazione è duplice.
C'è quello dell'assassino e quello della vittima. Separati nello spazio solo dal tempo, fino al momento del contatto, mediato da un'arma da fuoco. Da un lato John Lennon, l'uomo e l'artista che dopo un lustro di silenzio mediatico si apprestava a tornare sul palcoscenico, pronto a ricominciare da capo alle proprie regole; i suoi ultimi giorni, le ultime interviste qui riportate pressoché integralmente, le sue idee e i suoi ripensamenti sulla rivoluzione giovanile e gli anni del bagismo; il suo rapporto con Yoko Ono, figli, servitù e familiari e la sibling rivalry con Paul McCartney; l'interesse maniacale per numerologia, meditazione, dieta, astrologia, ufologia e la premonizione che sarebbe stato ucciso da un'arma da fuoco. Dall'altro lato dello specchio Mark David Chapman e il Piccolo Popolo di cui immaginava di essere unico re e sovrano; il sogno di uscire dall'anonimato e di diventare "qualcuno"; il rapporto con la Bibbia e le Sacre Scritture; la fascinazione per il giovane Holden; la sua idolatria fanatica per John Lennon e il contesto sociale e culturale in cui si è formato.
La mostra ROCK! ha già superato la soglia dei 2.500 visitatori. È stata visitata da Ian Paice, leggendario batterista dei Deep Purple ed è stata 'raccontata' dalle principali testate regionali e nazionali.

Presentata dal Comune di Napoli - Assessorato alla Cultura, la mostra ROCK! gode del Patrocinio del Consolato Generale degli Stati Uniti d'America a Napoli (che ha contribuito alla realizzazione dell'area "American Dreams: il rock 'a stelle e strisce'") e del Consolato Britannico di Napoli.
Direttori culturali della mostra sono Michelangelo Iossa (che ricopre anche il ruolo di coordinatore generale dell'intero progetto per l'Associazione Culturale "MFL comunicazione") e Carmine Aymone, critici musicali e docenti di storia del rock.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento