menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maurizio de Giovanni e Rosaria de Cicco a Palazzo Lanza per presentare libro

Capua - E' ripresa a pieno ritmo la stagione di eventi di Palazzo Lanza.Letteratura , musica, teatro, cinema si fondono con i sapori e il buon bere nei suggestivi spazi della Libreria Guida Capua e del caffè-ristorante Ex Libris.Dopo gli A'67 ed...

E' ripresa a pieno ritmo la stagione di eventi di Palazzo Lanza.Letteratura , musica, teatro, cinema si fondono con i sapori e il buon bere nei suggestivi spazi della Libreria Guida Capua e del caffè-ristorante Ex Libris.
Dopo gli A'67 ed Eugenio Bennato un altro ospite d'eccezione arricchisce il calendario degli eventi del mese di ottobre:lo scrittore Maurizio de Giovanni con il suo ormai famoso commissario Ricciardi.
Domenica 17 ottobre ore 20.30 a Palazzo Lanza di Capua lo scrittore Maurizio de Giovanni, intervistato da Marilena Lucente presenta il suo ultimo libro "Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi" (Fandango).Le letture sono a cura dell'attrice Rosaria de Cicco.
Maurizio De Giovanni torna con la sua voce inconfondibile e le atmosfere di una Napoli ipnotica e affascinante al quarto romanzo sul commissario che di storia in storia conquista e avvince sempre più lettori.

Il Libro
Il commissario Ricciardi è il protagonista indiscutibile della scena criminale della Napoli anni Trenta. I casi che prende in consegna vengono risolti con abilità e precisione che lascia sconcertati i suoi colleghi e le istituzioni. A non tutti piace questa sua capacità che si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. Certo Ricciardi ha dalla sua un dono, quello di ascoltare le ultime parole del morto assassinato nel luogo del delitto. Un'abilità divinatoria che lo inserisce quasi in una categoria stregonesca. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte ai misteri di certi crimini. Il Giorno dei Morti viene rinvenuto il cadavere di un bambino. Ricciardi è allertato e parte subito con la ricerca degli indizi. È un'indagine che però nasce in nefaste condizioni. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Non è il caso di distogliere l'attenzione e a Ricciardi viene sottratta la pratica. Al giovane e coraggioso commissario toccherà indagare in modo clandestino, ma soprattutto dovrà indagare senza alcun indizio perché nel luogo del delitto, per la prima volta non viene avvertita alcuna voce. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono oppure quel bambino non è stato ucciso lì?

L'autore
Maurizio De Giovanni è nato nel 1958 a Napoli, dove lavora come funzionario ai crediti per le imprese al Banco di Napoli. Ha due figli. È uno scrittore di romanzi gialli, appassionato di calcio. Nel 2005, con le storie del commissario Luigi Alfredo Ricciardi, protagonista del racconto "I vivi e i morti", vince il premio nazionale Tiro rapido per giallisti esordienti. Nel 2006 esce il suo primo romanzo "Le lacrime del Pagliaccio", editore Graus. Rivisitato e aggiornato il lavoro è pubblicato dalla Fandango Libri nel 2007 con il titolo "Il senso del dolore", nell'ambito di una quadrilogia, conclusa con "Il giorno dei morti". Maurizio è in attesa del passaggio a Einaudi Stile Libero, cui si è legato per altri quattro romanzi a partire dal 2011.Per De Giovanni letteratura e pallone vanno a braccetto, la sua penna ha raccolto spesso le gesta del calcio Napoli. Ha pubblicato "Juve - Napoli 1-3", "Ti racconto il 10 maggio", "Miracolo a Torino", edizione Cento Autori. Sempre per la Cento Autori, è in uscita "Storie azzurre", una raccolta di quattro racconti sul calcio, tra cui "La lunga storia del gol più bello del mondo", realizzato da Diego Armando Maradona ai mondiali del Messico del 1986. È autore di testi per il teatro, rappresentati più volte sul circuito nazionale. Collabora con testate giornalistiche cittadine per editoriali nelle sezioni Costume, Cultura, Sport.

L'attrice
Rosaria De Cicco nasce a Napoli inizia la sua carriera recitando a teatro al fianco di artisti come Nello Mascia e registi come Ugo Gregoretti. Nel 2000 conosce Ferzan Ozpetek, che le affida ruoli in film di successo come Le fate ignoranti (2001), La finestra di fronte (2003) e Un giorno perfetto (2008), la vuole inoltre testimonial di un noto spot pubblicitario. Antonio Capuano la vuole co-protagonista al fianco di Valeria Golino nel film La guerra di Mario. Paolo Sorrentino la sceglie per il film L'uomo in più. Renzo Arbore, invece, la vuole nel suo programma Speciale per me - Meno siamo, meglio stiamo!. Dal 1996 inizia a lavorare come coach nella soap Un posto al sole, dove successivamente interpreterà il ruolo di Vera e di Aida poi. Parallelamente all'attività di attrice Rosaria coltiva la sua vena comica, vincendo il Premio Charlot al Festival Nazionale del Cabaret in Rosa di Torino e il premio Cabaret in pillole.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento