menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20091105064506_LAMALACARNE

20091105064506_LAMALACARNE

'La Malacarne' di Fortunato Calvino di scena al Teatro San Ferdinando

Napoli - Le donne, nel bene e nel male, sono le protagoniste de "La Malacarne" il nuovo spettacolo, scritto e diretto da Fortunato Calvino, presentato in anteprima assoluta ai Teatri della Legalità. Sarà in scena venerdì 6 novembre, alle ore 11...

Le donne, nel bene e nel male, sono le protagoniste de "La Malacarne" il nuovo spettacolo, scritto e diretto da Fortunato Calvino, presentato in anteprima assoluta ai Teatri della Legalità. Sarà in scena venerdì 6 novembre, alle ore 11, al Teatro San Ferdinando di Napoli inserito nella programmazione promossa dall'Assessorato al Lavoro, Istruzione e Formazione della Regione Campania nell'ambito di Scuole Aperte, per la direzione artistica di Mario Gelardi ed il coordinamento organizzativo di Luigi Marsano de I Teatrini. "La Malacarne" propone in teatro l'universo femminile di Fortunato Calvino attraverso un allestimento, prodotto da Metastudio 89, che ne sintetizza frammenti scelti, sul tema, tratti dalla recente produzione drammaturgica del grande autore napoletano. Pagine crude, su musiche di Paolo Coletta e disegno luci di Paolo Foti, che raccontano di donne spietate contrapposte ad altre, vittime incolpevoli di quotidiane vessazioni in una città plumbea ed asfissiante. A dar loro voce e volto sono le attrici Antonella Morea, Rosa Fontanella, Loredana Simioli e Rosalba Di Girolamo, che insieme ad Ivano Schiavi, ripercorrono le "disumanissime" vicende dei tanti personaggi femminili inventati e tratteggiati a tinte fortissime dall'autore nelle opere "Malacarne", "Cuore nero", "Madre luna", "Donne di potere" di cui il testo si compone. "La Malacarne - sottolinea l'autore e regista Fortunato Calvino - mi è sembrata l'espressione più adatta per indicare la parte più significativa dell'universo femminile che ho descritto negli anni più recenti. Donne che spesso sono vittime e carnefici di una quotidianità fatta di soprusi e di violenze e, loro malgrado, protagoniste in una città violata". Storie di madri e mogli spesso dilaniate da profondi conflitti interiori che, per lo più, trovano la loro naturale ambientazione in uno spazio metropolitano e domestico. E' quello di una Napoli martoriata in cui il soggetto femminile acquista una centralità tale da lasciare, talvolta, in penombra gli altri personaggi e rivela aspetti inattesi e sconosciuti che sembrano quasi riflettere la doppia anima di una città in continua tensione tra bene e male. Lo spettacolo sarà replicato anche lunedì 16 novembre (ore 11) allo Stabia Hall di Castellammare di Stabia, Napoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Paura negli ospedali, due aggressioni in una settimana

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento