menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20090929065527_alunnisole

20090929065527_alunnisole

'Gli anni del sole nelle vene' di Mario Santella

Napoli - Venerdì 9 ottobre 2009, ore 19.00, presso Evaluna Libreria in piazza Bellini a Napoli presenta il libro "Gli anni del sole nelle vene" di Mario Santella. Letture di Agostino Chiummariello e Sonia Prota; interventi canori di Ornella...

Venerdì 9 ottobre 2009, ore 19.00, presso Evaluna Libreria in piazza Bellini a Napoli presenta il libro "Gli anni del sole nelle vene" di Mario Santella. Letture di Agostino Chiummariello e Sonia Prota; interventi canori di Ornella Cascinelli; al piano Carlo Berton.

Sono nato a Campobasso poco dopo l'inizio del secondo conflitto mondiale. Degli anni di guerra ricordo poco: ero troppo piccolo. Ma ricordo bene quelli del dopoguerra, anni di fame e di miseria. Malgrado ciò, ho avuto una infanzia felice e libera, in grandi spazi all'aperto, senza traffico e senza automobili, dove ancora si poteva giocare in mezzo alla strada, quando la solidarietà e l'amicizia erano ancora valori importanti. A Campobasso ho vissuto fino a quattordici anni. Poi mi sono trasferito a Napoli, dove si è compiuta la mia formazione e dove tuttora vivo. Giovanissimo ho iniziato la mia carriera di uomo di teatro: attore, regista, drammaturgo. Questo romanzo parla anche di questo. E del passaggio dal dopoguerra agli anni del cosiddetto "miracolo economico", arrivando fino alle soglie della contestazione del '68. E anche la storia di una iniziazione. Mi si chiederà se si tratta di una vicenda autobiografica. Rispondo di sì, nella misura in cui è autobiografico l"'Ulisse" di Joyce o la "Divina Commedia" di Dante. D'altra parte Flaubert diceva: "Madame Bovary sono io". Alcune situazioni e alcuni personaggi sono veri, altre situazioni e altri personaggi del tutto inventati. Ma che importanza ha? Quello che conta è che i personaggi e le situazioni vivano di vita propria nelle pagine del libro. (Mario Santella)
Uno spaccato di storia italiana raccontata attraverso la lotta, l'impegno e i sentimenti di una generazione L'amore giovane e innocente, nato tra i banchi di scuola, fatto di timidi sorrisi e turbamenti, le prime amicizie e il disagio di un giovane quattordicenne costretto a lasciare il suo paesino di provincia per trasferirsi nella grande città. Per Marco, il protagonista, è l'incontro-scontro con una nuova e diversa realtà. Dai banchi del liceo inizia la sua conoscenza di una Napoli affascinante, delle divisioni di classe, del primo, timido, impacciato e doloroso innamoramento. Esperienze che lo porteranno a crescere e soprattutto a lottare sia per opporsi al devastante panorama culturale che lo circonda sia per superare tabù e convenzioni ancora fortissimi nei primi anni sessanta. "Gli anni del solo nelle vene" è un romanzo di iniziazione, al teatro, alla vita, all'amore alla cultura come fonte di riscatto, di un gruppo di adolescenti tra il finire degli anni cinquanta e i primi anni sessanta, fino alle soglie delle contestazioni giovanili del '68.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento