menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conversazione sul tema 'L'attore/autore' con Cesar Brie

Napoli - Il drammaturgo e regista argentino, CESAR BRIE terrà una conversazione sul tema L'ATTORE/AUTORE venerdì 25 settembre alle ore 18 allo START, nuovo spazio teatrale in Via San Biagio dei Librai 121 a Napoli. L'incontro verterà sul doppio...

Il drammaturgo e regista argentino, CESAR BRIE terrà una conversazione sul tema L'ATTORE/AUTORE venerdì 25 settembre alle ore 18 allo START, nuovo spazio teatrale in Via San Biagio dei Librai 121 a Napoli.
L'incontro verterà sul doppio ruolo di autore e attore nel teatro. Un teatro secondo Cesar Brie "dove tutti i morti appaiono, dove il tempo si annulla, dove ti vedi bambino, un luogo di alchimia sorprendente per compiere un viaggio attraverso il tempo, il ricordo, la memoria". "Pessoa diceva: "L'arte interroga la vita. L'arte sta a fianco della vita". Noi viviamo raccontando tutto quello che ci succede - spiega Brie, in esilio volontario dall'Argentina e oramai di adozione boliviana - arrivando anche a mentire a noi stessi. Agli artisti non basta raccontare se stessi. Devono creare un'opera. Opere che poi sintetizzano gli aspetti più importanti della vita. E' questo il ruolo che mi interessa nel lavoro del teatro."
CESAR BRIE è arrivato a Napoli lunedì e fino a sabato terrà un workshop dal titolo "Pensare la scena - l'attore, lo spazio, la memoria" poi sarà in scena domenica 27 alle 21 alla Galleria Toledo con "Il mare in tasca", piéce da lui stesso scritta e diretta.

biografia
Attore e regista argentino di origine, ma boliviano di adozione. Tra i fondatori negli anni settanta della Comuna Baires, fondatore nel 1975 del Collettivo teatrale Tupac Amaru presso il Centro Sociale Isola di Milano, nel 1980 César Brie incontra Iben Nagel Rasmussen, con cui fonda il gruppo Farfa confrontandosi con l'esperienza dell'Odin Teatret e di Eugenio Barba. Nel 1991 contribuisce alla nascita in Bolivia, con Naira Gonzales e Giampaolo Lalli, del Teatro de Los Andes: insieme alla comunità Yotala, in un piccolo paese vicino a Sucre, crea una struttura che produce spettacoli di ricerca. Attualmente il gruppo, oltre a produrre spettacoli in Europa, sta lavorando su una ricerca della memoria andina, ricollegandosi ai miti del luogo e sta progettando, con Buena Onda Americas (produzione cinematografica), la costruzione, nella sede di Yotala, di una Casa-Residenza per artisti, scrittori, drammaturghi, attori, tecnici di teatro e cinema, un luogo di produzione ideale, di incontro e scambio di idee. L'artista ha realizzato il documentario "Humilliados y ofendidos" visibile gratuitamente sul web ( www.teatrocasalecchio.it/home/humilliados-y-ofendidos-di-cesar-brie/) che racconta ciò che è successo a Sucre in Bolivia, il 24 maggio 2008, quando i contadini indigeni che erano arrivati in città per ricevere il presidente Evo Morales furono aggrediti, vessati e umiliati da violenti oppositori del governo, organizzati in gruppi d'attacco.Il docu, realizzato da Cesar Brie, mostra le immagini che provano la partecipazione e la direzione degli attacchi da parte dei rappresentanti degli enti locali, delle autorità comunali e dei dirigenti universitari e raccoglie le testimonianze dei contadini aggrediti.
www.teatrodelosandes.com


Info www.festivaldellattore.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento