menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
101738_disa

101738_disa

Da Caserta a New York, il rock intimo de 'The Disappearing One'

Santa Maria a Vico - Un rock intimo, un sound caldo, un concept album che parla di storie e di persone: è il nuovo lavoro discografico de "The Disappearing One", la band casertana composta da Fabio Giobbe (voce e chitarra acustica), Marco Normando...

Un rock intimo, un sound caldo, un concept album che parla di storie e di persone: è il nuovo lavoro discografico de "The Disappearing One", la band casertana composta da Fabio Giobbe (voce e chitarra acustica), Marco Normando (basso), Vincenzo De Lucia (chitarra elettrica) e Andrea Gallicola (batteria). Il disco, dal titolo omonimo The Disappearing One, uscirà il prossimo 11 ottobre 2014, etichetta Octopus Records, e sarà presentato contemporaneamente con un live allo Smav di Santa Maria a Vico (Ce), in via Ferdinando D'Aragona 38, alle ore 22:00.
Giunti al terzo lavoro, rigorosamente in lingua inglese, The Disappearing One si aprono a importanti contaminazioni che ne arricchiscono l'ascolto. Il disco è stato masterizzato negli States, da Steve Fallone degli Sterling Sound Studios di New York(Seal, The Strokes, Glen Hansard Interpol, Sonic Youth, Tv On The Radio, The Niro) e l'uscita dell'album è stata anticipata da un videoclip, già in rete, dal titolo "Once He left to the Province",con la partecipazione di The Niro, il noto autore e cantautore romano, reduce dall'ultimo Sanremo.
The Disappearing One è il risultato di un lavoro corale dei membri del gruppo. Dieci tracce che viaggiano tra l'alternative rock/pop e un soft/rock cantautorale e danno vita a un concept incentrato tutto su un unico tema, le "persone": persone vere, che si incontrano per strada, al fianco di personaggi ideali, quasi stereotipi, le cui storie prendono vita nei testi firmati da Fabio Giobbe. I brani sono ricchi di arrangiamenti acustici con echi che derivano dagli ascolti e dal background musicale della band (The Frames, City and Colour, Afghan Whings, Broken Social Scene).

"The Disappearing One" è un disco autoprodotto. I musicisti hanno deciso di aprirsi alla possibilità di una condivisione più estesa, rivolgendosi alla nota piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso: in soli quattro giorni è stata raccolta la somma prefissata, tramite la prevendita delle prime 100 copie fisiche, a testimonianza dell'attesa del pubblico per il nuovo lavoro del gruppo.
La band nasce nel 2008 e, dopo circa un anno di arrangiamenti,entra in studio per registrare l'album di debutto, "Transitional phase", uscito all'inizio del 2010. Dopo due home-recorded Ep, nel 2012 viene pubblicato "Several efforts for passionate people", il cui tour porta il gruppo in giro per l'Italia, aprendo concerti di artisti quali Perturbazione, Paolo Benvegnù, Malfunk, Plan de Fuga e The Niro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento