menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Serata di grandi emozioni al Cineclub Vittoria

Mondragone - I trecento spettatori accorsi in sala, il 31-1 scorso, hanno assistito ad una doppia proiezione: " La Domitiana. Dove non c'è strada non c'è civiltà " e " Ritratti abusivi ", due docufilm ideati e diretti da Romano Montesarchio...

I trecento spettatori accorsi in sala, il 31-1 scorso, hanno assistito ad una doppia proiezione: " La Domitiana. Dove non c'è strada non c'è civiltà " e " Ritratti abusivi ", due docufilm ideati e diretti da Romano Montesarchio, giovane apprezzato regista casertano.
Negli ultimi anni il genere documentaristico ha acquisito un interesse via via sempre maggiore da parte del pubblico (ne è testimonianza il recente successo ai botteghini di "Vado a scuola" di Pascal Plisson). Il bisogno di vivere la realtà attraverso il linguaggio filmico d'autore è un'esigenza che si sta facendo strada nella mente delle persone. "La Domitiana" affronta con un occhio disincantato e critico il lento ed inesorabile declino di una zona della Campania che avrebbe molto da offrire. "Ritratti abusivi" racconta con ironia la vita , tra illegalità e violenze quotidiane di
alcuni abitanti del "Parco Saraceno" , ancora nella zona degradata di Castel Volturno. Mentre, tra il primo e secondo spettacolo, Massimiliano Gaudio (autore della colonna sonora dei due progetti) intrattiene il pubblico presente con un avvincente spettacolo musicale, ho avuto l'opportunità di scambiare quattro chiacchiere con il regista. C'è un'aria di amichevole complicità: Romano Montesarchio appare sereno, disponibile e padrone della materia trattata nelle sue opere. Sono argomenti che sente davvero, non sono "compitini" che si è imposto o che gli sono stati affidati. Quello di raccontare il mondo è un suo bisogno
innato. "Ritratti abusivi", esordisce, " è una sorta di secondo capitolo de La Domitiana. Dopo quel documentario, mi ero reso conto di non aver completato il mio lavoro: mi ero perso l'interno delle case. Da qui l'esigenza di ritornare in quei luoghi e di descrivere altri punti di vista. Per completare il documentario sulla Domitiana sono stati necessari sei anni. Per questo progetto ne sono serviti altri tre, anche perché una volta entrati nel Parco Saraceno, non ne esci più. Magari per il capitolo conclusivo di questa trilogia impiegherò solo un anno (ride)". "Lavorare con gli immigrati e con persone che occupano illegalmente delle abitazioni non deve essere stato facile, in termini di fiducia?"
"Abbiamo impiegato un anno per conquistare la loro fiducia, per spiegare loro che il nostro progetto non era finalizzato a speculare su una situazione critica, quanto piuttosto uno studio antropologico. Volevo che emergesse la loro umanità. Credo di esserci riuscito. Giusto per dire, quando il documentario è stato presentato al Festival di Roma, un gruppetto degli abitanti del Parco Saraceno è venuto a darmi manforte. Durante la proiezione ho visto uno di loro che piangeva sommessamente, in disparte". "Tra quelli rappresentati nel documentario, quali sono i personaggi ai quali sei più affezionato?" "Sicuramente Vincenzo, il parcheggiatore, e Costantino, l'uomo che si diverte a proclamare dal terrazzo".
"Ciò che lega i due progetti", prosegue, "è il concetto dell' integrazione, un tema al quale sono legato. Credo che l'immigrazione sia un elemento fondamentale: comporta uno scambio culturale. Geograficamente parlando, l'Italia è in una posizione privilegiata. E' un peccato che non si sia ancora realizzato il processo di integrazione culturale. Negli Stati Uniti, per esempio, convivono razze diverse; ciò garantisce un proficuo scambio di idee, permettendo così un continuo arricchimento reciproco. Il tema dell'integrazione è il fulcro di un altro mio documentario: Arapha - Ragazza dagli occhi bianchi, in cui parlo di questa ragazza affetta da albinismo che vive in Tanzania. Una sorta di razzismo al contrario ".
"Parliamo un po' degli aspetti tecnici?"
"Ritratti abusivi è stato girato con una Canon 5d mark II, una macchina fotografica che permette di realizzare anche dei filmati di ottima resa. Ovviamente, rispetto ad un lungometraggio di finzione, girare un documentario presenta delle difficoltà oggettive: è tutto improvvisato, devi seguire l'istinto e, in un certo senso, prevedere quello che sta per accadere?" "Quando uscirà nelle sale Ritratti abusivi?" ( il film è stato proiettato in anteprima proprio al Cineclub Vittoria N.d.R. )"
"A marzo. L'Istituto Luce si occuperà della distribuzione, poi, dopo l'uscita in home video, verrà proiettato su Rai Uno".
"Ho notato che i registi casertani trattano spesso argomenti delicati nelle loro opere. In Esterno sera Barbara Rossi Prudente parla di incesto, Animanera di Raffaele Verzillo ruota intorno alla figura di un pedofilo. Tu parli di immigrazione e mini criminalità. C'è questa tendenza a scavare oltre la superficie andando in
profondità?" "Beh, immagina di entrare in una stanza per la prima volta: inizialmente osserverai le pareti, poi a mano a mano scoprirai degli oggetti che non avevi visto e ti soffermerai sui particolari. Il compito del regista è proprio questo: approfondire sempre di più". -"C'è qualche altro documentario d'autore che ti ha colpito recentemente?" - " Certo. The act of killing, di Joshua

Oppenheimer ". " Un'ultima domanda: dopo tanti documentari, non hai voglia di cimentarti in un lungometraggio di finzione? " - " Sì, ho un'idea per un film che oscilla tra il drammatico e il surreale. Un po' alla David Lynch " . - " Quello di Elephant man o di Mulholland drive? " - " Quello di Strade perdute ". Ringrazio vivamente Romano Montesarchio per questa intervista così stimolante e ricca di spunti. Inoltre, il Cineclub Vittoria di Casagiove, da sempre sinonimo di cultura, per aver accolto di buon grado la programmazione di questi due documentari che raccontano in modo originale una zona degradata del territorio campano.
Da sottolineare, infine, il grande coinvolgimento da parte degli spettatori che, si sono trattenuti in sala fino a mezzanotte per esprimere le loro riflessioni o per rivolgere numerose domande al regista, al soggettista Vincenzo Ammaliato, al musicista Massimiliano Gaudio e al montatore Davide Franco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento