menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parte rassegna Sentieri di memoria Storie e teatro

Caserta - Prenderà  avvio  venerdì  25  ottobre  la  rassegna  dal  titolo  "Sentieri  di  memoria  –  Storie  e  teatro".   Nata   da   un'idea   di   Bartolomeo   Corbo   e   Pierluigi   Tortora,   per   la   direzione   artistica   di  ...

Prenderà avvio venerdì 25 ottobre la rassegna dal titolo "Sentieri di memoria - Storie e teatro". Nata da un'idea di Bartolomeo Corbo e Pierluigi Tortora, per la direzione artistica di quest'ultimo, la rassegna comprenderà tre eventi nella particolarissima cornice della Cappella campestre di Santa Maria a Macerata sulla strada statale 7 Appia tra Caserta e Maddaloni, nel territorio della frazione casertana di San Clemente. Si tratta di un'antica chiesetta risalente al Mille che contiene importanti testimonianze storiche e d'arte, circondata da un parco un tempo cimitero per i morti nell'epidemia di colera del 1836-­‐1837: lì vennero seppellite le centinaia di vittime dell'intera città. Il sito, appena restaurato, è stato affidato alla Parrocchia di San Clemente, il cui parroco, don Gennaro d'Antò, ha voluto, assieme ai collaboratori del locale Oratorio, le tre serate all'insegna della storia, del teatro e della musica. Si parte appunto venerdì 25 ottobre alle ore 19.00 con "Tutti Kaputt", ricordo della strage nazista di San Clemente nel suo settantesimo anniversario: il 4 ottobre 1943 i tedeschi, in ritirata verso il Volturno, minarono un palazzo e lo fecero saltare in aria incuranti delle ventiquattro persone, quasi tutte donne e bambini, che vi dormivano; qualche giorno prima i tedeschi si erano macchiati del sangue di sei persone a San Michele e di altre sei (tra cui il diciottenne sanclementese Giuseppe Rossi) a Ruviano. Le testimonianze raccolte sono diventate racconti che, con la partecipazione degli allievi del Liceo coreutico e musicale del Villaggio dei Ragazzi di Maddaloni, diventeranno un momento di riflessione e memoria collettiva. A leggere i testi di Bartolomeo Corbo sarà Pierluigi Tortora. Un importante contributo sarà dato dall'intervento in video del prof. Felicio Corvese, che ha studiato approfonditamente l'evento concludendo che non si trattò di un banale errore di comunicazione, ma di una vera e propria rappresaglia per la morte di due soldati tedeschi. Il prof. Corvese ha curato per l'occasione anche una mostra documentaria che sarà visitabile durante la rassegna.
Sabato 26 ottobre, con inizio alle 19.30 sarà la volta del teatro con "Giuseppina, una donna del Sud" di Matteo De Simone e Pierluigi Tortora. Tortora darà vita al personaggio di Giuseppina, la cui esistenza di donna, moglie e madre attraversa tutto il Novecento: un monologo teatrale in ricordo della nonna, "Peppenella", come veniva chiamata affettuosamente da parenti e amici, ricco di personaggi molto diversi ed episodi lieti, dolorosi, divertenti. Domenica 27 ottobre con inizio alle ore 19.00 è il momento della musica con Pasquale Ziccardi, autore e musicista, nativo di San Clemente, a cui sarà conferito il Premio "Santa Maria a Macerata", alla sua prima edizione, dedicato a personaggi casertani che si sono distinti nello sport, nell'arte, nella cultura, nell'impegno sociale e che hanno un legame particolare con il loro luogo di origine. In "'Miez''a puteca - storie e canzoni", Ziccardi, con la partecipazione di alcuni musicisti, racconterà la sua carriera musicale che, dagli inizi in paese con personaggi indimenticabili, lo ha portato a collaborare con importanti artisti come Mina e la Nuova Compagnia di Canto Popolare, di cui attualmente fa parte, e a scrivere ed interpretare da solista brani che hanno meritato diversi premi, come quello di Recanati per la musica d'autore. Le "storie", quindi, sono il filo conduttore delle tre serate: storie di uomini e donne del passato e del presente che vengono raccontate per dipanare il filo della memoria attraverso testimonianze e documenti, attraverso il teatro, attraverso la musica. Sono i "sentieri della memoria" che si vuole riprendere a percorrere dopo anni di incuria e abbandono, perché, ricordando il passato e narrando i ricordi, il domani possa essere migliore. L'ingresso ai tre eventi è libero; per i posti a sedere (un centinaio) ci sarà bisogno di ritirare un invito. Tutte le informazioni necessarie si possono trovare sul sito ufficiale della manifestazione (www.sentieridimemoria.it) o sulla pagina Facebook all'indirizzo www.facebook.com/sentieridimemoria. Disponibile infine anche un numero telefonico fisso - 0823286296 -­‐ al quale rivolgersi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 20.00 di tutti i giorni escluso la domenica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento