Cultura

Secondo appuntamento per il Caffe' Letterario BLOOMSBURY

Sparanise - Secondo appuntamento per il Caffè Letterario BLOOMSBURY, organizzato dal Comitato di Coordinamento per le Politiche Giovanili AMALTEASabato 22 dicembre alle ore 17.30 presso il Caffè del Corso (corso Giacomo Matteotti) sarà presentato...

Secondo appuntamento per il Caffè Letterario BLOOMSBURY, organizzato dal Comitato di Coordinamento per le Politiche Giovanili AMALTEASabato 22 dicembre alle ore 17.30 presso il Caffè del Corso (corso Giacomo Matteotti) sarà presentato il libro di Gero Mannella Il killer del qwerty (edito da a est dell'equatore).Protagonista del libro è l'ispettore Gaudino Liberovici, una sorta di Clouseau amplificato: disadattato e burbero, patito di enigmistica, predilige gli arcani in forma di rebus e cruciverba ai casi trucidi che gli passa la questura. Schiva i sopralluoghi troppo sanguinosi perché debole di stomaco, e se proprio non può farne a meno vomita con discrezione nel berretto dell'assistente Caposito. Odia l'assedio delle reporter TV che puntano i microfoni come baionette, al punto che per metterle in fuga apre il trench come un maniaco mostrando le pudenda. Per risolvere i casi segue percorsi sbilenchi, fidandosi di un fiuto inesistente e di un mestiere presunto, al punto che quelli rimangono per lo più insoluti o preferiscono risolversi da soli.
Gero Mannella, informatico, recensore jazz, trombettista afasico, progettista di giochi, sceneggiatore di slapstick comedy, cultore dell'Oulipo e delle risacche della lingua, gioca con la logica, crea cortocircuiti mentali, fa suonare parole desuete o neologismi, spiazza il lettore con continui coup de théâtre che strapazzano la storia tirandola per la giacca fino al borderline dell'inverosimiglianza.L'incontro (ingresso fino a esaurimento posti), moderato da Giovanni Fasulo (direttore scientifico di AMALTEA), si aprirà con i saluti di Guido Lauro Parisi (Presidente AMALTEA) e vedrà la partecipazione di Massimo Gerardo Carrese.Fantasiologo, esperto di storia e caratteristiche della fantasia unita alla linguistica generale e ai giochi di parole, Massimo Gerardo Carrese si occupa a tempo pieno di temi relativi la fantasia, ricercandone e studiandone le caratteristiche nella dimensione quotidiana oltre che nelle discipline scientifiche, umanistiche, ludiche e artistiche. Ha pubblicato articoli e testi inerenti la fantasia, alcuni dei quali conservati nelle principali biblioteche e università d'Europa, Asia e America. Promuove conferenze sulla fantasia in tutta Italia e organizza lezioni di fantasia per alunni e docenti in scuole di ogni ordine e grado. È poeta onomaturgo, musicista, ideatore di giochi fantasiologici (linguistici, alfanumerici e didattici), amico dell'Oplepo (Opificio di Letteratura Potenziale) e fondatore del Panassurdismo, un'esperienza ludica e didattica nell'assurdo. Per i suoi studi sulla fantasia l'Accademia Internazionale "Francesco Petrarca" gli ha conferito il Diploma d'Onore e la Medaglia d'Argento. È membro della International Lexical-Functional Grammar Association.Seguirà un tributo a George Perec (1936-1982), scrittore francese membro dell'OuLiPo (Ouvroir de Littérature Potentielle, ovvero "officina di letteratura potenziale"), e un brindisi benaugurale di buone feste.La serata "in giallo" proseguirà con una degustazione di olio d'oliva, a cura di produttori locali: occasione per migliorare la conoscenza delle eccellenze enogastronomiche di Terra di Lavoro e dell'agro caleno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Secondo appuntamento per il Caffe' Letterario BLOOMSBURY

CasertaNews è in caricamento