menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si presente 'Chiavi storte', lultimo lavoro di Gianni Iasimone

Pietravairano - Chiavi storte, l'ultimo lavoro di Gianni Iasimone, dal titolo "indecifrabilmente chiaro", è un libro impietoso etenero insieme, smarrito e sincero, in una parola: vero, come lo ha già decrittato Giorgio Linguaglossa.Chiavi storte...

Chiavi storte, l'ultimo lavoro di Gianni Iasimone, dal titolo "indecifrabilmente chiaro", è un libro impietoso etenero insieme, smarrito e sincero, in una parola: vero, come lo ha già decrittato Giorgio Linguaglossa.
Chiavi storte: "Immagine o simbolo o crudele e razionale metafora di un tempo interiore, scandito dall'acretempo che batte fuori di noi, dai ritmi di questa nostra storia così disperata, così sconnessa, così trasparenteed enigmatica", come già Luigi Compagnone preconizzava negli anni Ottanta a proposito della poesia diquesto poeta. Ed ecco, Chiavi storte, come il precedente notevole poema "metà-fisico" Il mondo checredevo, da poco uscita per i tipi di Mobydick, una ruvida raccolta di poesie scritte per esperienza direttadelle angosce e paure del presente, dove sono aboliti le pose letterarie, gli ammiccamenti, ogni inutileorpello lirico. Senza mai tradire se stesso, versi che non scendono mai a compromessi. Parole che paginadopo pagina si fanno visione o intuizione di cogliere l'indicibile, di svelare l'inganno. Del già dato, conosciuto.Iasimone torna alla scrittura in versi con un altro libro "fisico", corposo e potente che "procede a ritroso neltempo, discende talvolta, o precipita, si sofferma nelle stazioni più dolorose della vita, ai nodi e agli snodi diuna vicenda esistenziale che si presenta, da subito e nel suo complesso, nei tratti distintivi della lirica e dellapoesia risentita o civile, e che si affida e si avvita a una, in vero più di una, 'chiave' di memoria: «Il ferropenetra nel legno. / Ancora un tentativo / un altro giro nella toppa / e il ritmo schiude / e il tempo di una volta/ se la chiave / è quella giusta.»", come rimarca Manuel Cohen nella prefazione. E ancora: "uno splendidoattraversamento della vita nella scrittura, della contiguità che tuttavia, e nonostante il dilagante nulla, persistein quel precipitato di passioni, furori, aspettative e idee che chiamiamo arte, letteratura, vita."

GIANNI IASIMONE, classe 1958, poeta, performer, attore, regista, autore di testi teatrali, studioso di cultura popolare,è nato a Pietravairano, un piccolo centro dell'Alto Casertano.Laurea in DAMS con Giuliano Scabia all'Università di Bologna. Master in Poesia Contemporanea presso l'Università diUrbino.
Ha partecipato a vari corsi, seminari e laboratori di cinema e di teatro, tra i quali: il corso di Cinema tenuto a Roma nel1992/93 da Silvano Agosti; il corso di Sceneggiatura tenuto a Bologna nel 1999 da Franco Bernini; il seminario Teatro efesta arcaica, diretto da Alessandro Fersen, Napoli, 1979; il laboratorio Sull'attore, di Leo De Berardinis, Bologna, 1988;il work-shop Teatro e Improvvisazione, di Dario Fo, Bologna, 1988; il laboratorio Studio per una messinscena, di TeresaLudovico (Teatro Kismet), Rimini, 2002; il laboratorio: Il metodo del teatro colloquiale contemporaneo, di Oriza Hirata,Santarcangelo di Romagna, 2011.
Sue poesie e interventi sono apparsi sulle riviste "Hyria", "Opposizioni", "Mongolfiera", Poiesis", "Tratti", "Alchimie" e inalcune antologie tra le quali: Bologna e i suoi poeti, curata da G. Centi e C. Castelli, Bologna, 1991.
Ha realizzato delle performances poetiche itineranti ed ha letto i suoi versi in diverse piazze e teatri, tra le quali siricordano: "Chiavi storte", Bologna 1989; "Irreparabile è questa notte", Rimini, 2004; "Pellegrinaggio nel bosco",Verucchio, 2005; Del martirio?, Pesaro, 2012.

Suoi la raccolta di versi La memoria facile (1991, FILT), il "poema metà-fisico" Il mondo che credevo, (2005, Mobydickeditore, finalista Premio Pascoli 2006 e 2° posto Premio internazionale di Poesia Città di Marineo-Palermo), e il recentelibro di poesie Chiavi storte, Mobydick, 2012.Suo anche il saggio critico Conta nu cuntu!Il racconto orale come strumento creativo e comunicativo" (2002,Caramanica editore).
Come attore e/o regista ha partecipato a vari spettacoli teatrali. Come autore-regista-attore ha realizzato gli spettacoliteatrali Raccontami una storia!, Teatro Pianoterra, Rimini, 2003 e più recentemente Irrimediabile, tratto dal suo libro Ilmondo che credevo, che ha debuttato al Teatro del Mare di Riccione nel 2007.Attivo come operatore culturale, collabora con alcune riviste ed è uno dei fondatori dell'associazione Microcosmus(www.microcosmus.org) di Rimini, dove attualmente vive e lavora.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

  • Cronaca

    Cocktail, birre e assembramenti: chiuso noto locale della movida

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento