Economia

Whirpool, la protesta da Napoli a Carinaro. "Il governo faccia rispettare gli accordi"

Una delegazione di operai dello stabilimento chiuso a novembre protesta nel casertano

Una delegazione di lavoratori dello stabilimento Whirlpool di Napoli, chiuso dalla multinazionale lo scorso primo novembre, ha raggiunto il sito di Carinaro "per un sit-in di protesta ai cancelli del polo ricambi della multinazionale".

All'indomani del tavolo al Ministero dello Sviluppo economico nel corso del quale l'azienda ha confermato la chiusura del sito di Napoli, i 150 operai napoletani "manifestano contro l'ennesimo incontro senza risposte concrete e contro l'azienda che conferma la chiusura di Napoli, nonostante l'aumento dei carichi di lavoro negli altri stabilimenti d'Italia e il record di vendite nel nostro Paese", dichiara Antonio Accurso, segretario generale aggiunto Uilm Campania, che ha raggiunto i lavoratori in protesta.

"Il Governo intervenga per far rispettare gli accordi e il nostro Paese e faccia veramente qualcosa per difendere il Sud - prosegue Accurso - la vertenza Whirlpool è la vertenza simbolo del Sud sempre abbandonato, delle multinazionali che spadroneggiano, della politica che deve dare risposte. L'Europa, il governo e tutte le forze politiche dicono che si deve ripartire dal Sud. Se non ora quando?", conclude Accurso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Whirpool, la protesta da Napoli a Carinaro. "Il governo faccia rispettare gli accordi"

CasertaNews è in caricamento