Economia Marcianise

Di Maio al tavolo Jabil, “sbloccati” 120 dipendenti

Quattro aziende pronte a ricollocare i lavoratori. Guglielmi (Fiom): "Resta il problema degli ammortizzatori sociali"

Si è sbloccata, almeno in parte, la complicata vertenza che riguarda la ricollocazione dei lavoratori Jabil di Marcianise. Oggi vi è stato un importante incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del ministro Luigi Di Maio, dell’assessore al Lavoro della Regione Campania Sonia Palmieri e del coordinatore Fiom Fabio Palmieri.

All’incontro erano presenti le quattro aziende interessate al progetto di ricollocazione: sul tavolo vi è la disponibilità a ‘prendersi carico’ di circa 120-130 lavoratori sui 250 che la Jabil ha dichiarato ricollocabili. L’accordo prevede il mantenimento delle tutele previste dall’articolo 18 e riconosce, ai lavoratori che decideranno volontariamente di aderire al percorso di ricollocazione, l’attuale inquadramento normativo e salariale.

Come spiega però il segretario Fiom Massimiliano Guglielmi a Casertanews, “resta il problema degli ammortizzatori sociali per gli altri 600 lavoratori Jabil”. A settembre infatti termineranno le forme di assistenza al reddito per i dipendenti dell’azienda, il sindacato ha chiesto durante l’incontro un impegno per la copertura economica degli ammortizzatori sociali che scadranno per effetto del Jobs Act. “Aspettiamo che il ministro Di Maio e l’azienda ci convochino nuovamente per incontrare nuovi imprenditori disponibili ad investire”. Il segretario Fiom ha anche elogiato l’impegno del capo politico del Movimento 5 Stelle Di Maio: “Mai nessun ministro si era interessato in prima persona alla vertenza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Maio al tavolo Jabil, “sbloccati” 120 dipendenti

CasertaNews è in caricamento