rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Cronaca

Studentessa morta per le esalazioni, l'Iran si oppone al rientro della salma: "E' una peccatrice"

Il dramma nel dramma dei familiari della 21enne Vida. Appello dell'amico: "Ridiamo dignità alla sua figura"

Un dramma nel dramma. I familiari di Vida Shahvalad, la studentessa 21enne iraniana e residente a Caserta morta a causa delle esalazioni da monossido di carbonio insieme al suo fidanzato Vincenzo Nocerino, non riescono a riavere la salma per i funerali. 

La circostanza è emersa nel corso della trasmissione radiofonica "La Radiazza" con lo speaker Gianni Simioli ed il deputato Framcesco Emilio Borrelli che hanno raccolto la denuncia di Alfredo Nocerino, il papà di Vincenzo che ha fatto la tragica scoperta dei corpi in un garage a Secondigliano. 

La ragazza, riferisce NapoliToday, studiava informatica alla Vanvitelli. La sua famiglia la vorrebbe in patria per i funerali, ma la situazione è molto complicata. "La Repubblica islamica e la polizia morale di Teheran hanno un’altra idea del ruolo della donna nella società - spiegano Borrelli e Simioli - Vida è stata descritta per ciò che non era, infangandone la memoria. Chiediamo di fermare, che sembrano solo frutto di gossip per niente utile a ricostruire la dinamica dei fatti. In Iran sono già stati tanti i problemi per la famiglia di Vida che vorrebbe solo dedicarsi ai funerali della figlia".

Anche Ahmad Bahramzadeh, 28enne iraniano studente a Pisa ed amico di Vida, lancia un appello: “Salviamo l’onore di Vida e ridiamo dignità alla sua figura”.

Il caso in Iran è venuto alla luce in seguito ad un servizio andato in onda su  Iran International in cui si riferisce di una "studentessa morta soffocata a Napoli" ma si aggiunge che i corpi in auto erano "seminudi". I media della Repubblica islamica hanno pesantemente apostrofato la ragazza come "peccatrice" e a quanto pare il paese si oppone al rientro in patria della salma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studentessa morta per le esalazioni, l'Iran si oppone al rientro della salma: "E' una peccatrice"

CasertaNews è in caricamento