Scarcerata la finta dottoressa che era riuscita a truffare una nota clinica

Già condannata in primo grado, era agli arresti da oltre 10 mesi

Revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari per Maria Vitolo 43enne originaria di Teano e residente a Castel Volturno che senza aver conseguito alcun titolo esercitava la professione medica. La falsa dottoressa infatti grazie a certificazioni contraffatte riuscì ad ottenere l'iscrizione nell'albo dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Avellino (successivamente annullata nel luglio 2017) riuscendo ad esercitare indisturbata la professione medica presso la 'Casa di Cura Alma Mater Villa Camaldoli' a Napoli. In tale struttura svolgeva il servizio di guardia medica percependo i relativi onorari per un importo pari a 11 mila euro. 

Vitolo millantava il conseguimento di una laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, l'abilitazione all'esercizio della professione di medico chirurgo, l'iscrizione all'albo professionale dell'Ordine dei Medici Chirurghi della Provincia di Caserta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte fandonie: il suo nominativo non risultava in nessun database universitario ed i numeri di matricola o registri dei documenti prodotti dalla sedicente dottoressa corrispondevano a documenti rilasciati realmente ad altri sanitari. Giudicata in primo grado ed applicatale la misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Avellino, ora é libera. Il Tribunale del riesame di Napoli ha accolto l'istanza di revoca degli arresti domiciliari presentata dall'avvocato Ferdinando Letizia. Data la lunga detenzione domiciliare(dal dicembre 2018), la cristallizzazione del quadro probatorio con l'esclusione delle esigenze cautelari e della reiterazione del reato così come argomentato dall'avvocato Letizia, nei confronti di Maria Vitolo si é proteso per la scarcerazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

  • Camorra a Caserta, accuse via social per prendere il potere: "Infame, te la fai con le guardie"

  • Ragazza muore ad appena 26 anni: gli amici sotto choc

Torna su
CasertaNews è in caricamento