Rapina la tabaccheria armato di coltello, incastrato dalle videocamere

L'uomo aveva minacciato due dipendenti per farsi consegnare soldi e 'Gratta e vinci'

L'autore della rapina nel tabacchi di Teverola

I carabinieri della Compagnia di Aversa, nell’ambito di un’attività di indagine coordinata dalla Procura di Napoli Nord, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale normanno nei confronti di un uomo di 41 anni, originario di Villa di Briano ma residente a San Marcellino, per rapina aggravata dall’uso della armi ai danni di un esercizio commerciale. 

Il provvedimento nasce dalle indagini avviata dai militari dell’Arma a seguito della rapina avvenuta il 17 giugno scorso in una rivendita di tabacchi di Teverola, nel corso della quale una persona parzialmente travisata e sotto la minaccia di un coltello a serramanico, si faceva consegnare dalle due dipendenti il denaro presente nel registratore di cassa e circa 50 ‘Gratta e vinci’.

L’attività investigativa ha permesso di ricostruire a carica del 41enne un grave quadro indiziario avvalorato dal Gip: in particolare le immagini di videosorveglianza confrontate con le fattezze somatiche dell’indagato, il riconoscimento da parte delle vitime, il rinvenimento della refurtiva e dell’arma del delitto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento