Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Marcianise

Favori all'Interporto, chiesta la condanna del patron e dell'ex dirigente

La Procura ha invocato 4 anni e mezzo per Barletta e Spasiano. Tre anni e due mesi la richiesta per Campolattano

Quattro anni e mezzo di reclusione per il patron dell'Interporto Sud Europa Giuseppe Barletta e per l'ex dirigente dell'ufficio tecnico del comune di Marcianise Gennaro Spasiano. Questa la richiesta della Procura nel corso della requisitoria pronunciata nei giorni scorsi dinanzi al collegio del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. 

I pubblici ministeri hanno invocato, inoltre, la pena a 3 anni e 2 mesi per Antonio Campolattano, amministratore delegato dell'Ise. Richiesta di assoluzione, infine, per il direttore commerciale Berti. Si torna in aula fra una decina di giorni per l'inizio delle arringhe dei difensori. La sentenza è in programma entro la prima decade di ottobre. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Andrea Piccolo, Mauro Iodice, Amedeo Barletta e l'ex pm di 'Mani Pulite' Antonio Di Pietro.

La vicenda al centro del processo riguarda i presunti favori per i permessi a costruire dell'Interporto che sarebbero stati privi della necessaria approvazione della variante urbanistica. L’illegittimità dei permessi muove dalla constatazione della Procura circa il fatto che il dirigente Spasiano avrebbe fondato i permessi su una delibera del commissario straordinario del Comune di Marcianise datata 3 giugno 2016 non potendolo fare, posto che tale delibera era in realtà priva di valore provvedimentale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Favori all'Interporto, chiesta la condanna del patron e dell'ex dirigente
CasertaNews è in caricamento