rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Cronaca Sparanise

Pressioni per favorire le ditte amiche, imprenditore 'scagiona' il sindaco

Avrebbe lavorato con l'amministrazione anche in altre occasioni

"Ho lavorato anche con il comune di Sparanise ma non conoscevo il sindaco personalmente. Non avevo certo l'esclusiva". Sono le dichiarazioni rese nel corso dell'udienza celebrata dinanzi alla Prima Sezione del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presieduta dal giudice Giovanni Caparco, dal titolare di una delle ditte finite nella 'lista degli amici' la cui esistenza venne denunciata da Gennaro Giaccio, presidente della Proloco di Sparanise, che ha trascinato in Tribunale il primo cittadino Salvatore Martiello e l'ex segretaria comunale Daniela Rocco con l'accusa di induzione alla concussione.

L'imprenditore ha chiarito al collegio ed al Sostituto Procuratore Albenzio Ricciardiello i suoi rapporti con il comune di Sparanise già preesistenti, anche con le precedenti amministrazioni. Secondo quanto ricostruito dalla pubblica accusa, nel novembre 2017 Martiello in qualità di sindaco ed in concorso materiale e morale con l'ex segretaria comunale Rocco abusando delle loro qualità e dei loro poteri avrebbero costretto il presidente della Proloco, risultata idonea ad organizzare gli eventi delle festività natalizie 2017-2018, ad inserire nel programma 'ditte amiche' e di assegnare alle stesse somme di denaro giustificando tale richiesta con la precisazione che 'non si poteva non far lavorare le ditte amiche' e che l'esecuzione di tale programma non poteva prescindere da tale richiesta.

Secondo gli inquirenti il rifiuto di Giaccio ad accettare le modifiche imposte fece sì che l'amministrazione procedesse mediante delibera di Giunta alla revoca della procedura selettiva e all'assegnazione diretta dei servizi nelle forme dell'affidamento diretto a ditte che per i loro servizi avrebbero determinato una maggiore spesa per il comune. A seguito di tali pressioni Giaccio denunciò tutto ai carabinieri della compagnia di Capua.

Si torna in aula la seconda settimana del mese di novembre per la discussione degli avvocati e le repliche del pm. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Massimo Garofalo, Angelo Raucci, Giovanni Zannini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pressioni per favorire le ditte amiche, imprenditore 'scagiona' il sindaco

CasertaNews è in caricamento