Lite tra vicini finisce davanti al giudice, sentenza dopo 4 anni

Il giudizio del Tar sul ricorso presentato da un cittadino di Villa di Briano

Un cittadino di Villa di Briano ottiene un permesso di costruire per "l'abbattimento e la costruzione di un nuovo immobile" ma il vicino di casa fa causa al Comune e al titolare del permesso dichiarando che "praticamente una finestra viene oscurata dalla nuova costruzione" e soprattutto che "l’abbattimento e ricostruzione dei vani preesistenti" nasconderebbe "una nuova costruzione in quanto le nuove opere sarebbero totalmente diverse rispetto a quelle preesistenti e, pertanto, non conformi alla normativa vigente in materia di distanze legali tra le costruzioni". Basti pensare che si tratti di un giudizio che va avanti da ben 4 anni quando il cittadino ricorrente ha presentato ricorso al Tar. Dopo tutto questo tempo finalmente si è arrivati alla sentenza. Per il giudice i motivi del ricorso sono "infondati". E quindi dovrà anche pagare 2mila euro di spese di giudizio alla parte controinteressata (al vicino di casa) e tutte le spese di onorari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato il dj Joseph Capriati: il padre arrestato per tentato omicidio

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento