Incendio nella caserma dei carabinieri

Un corto circuito all'impianto elettrico posto in prossimità del condizionatore ha innescato le fiamme

La stazione dei carabinieri di Lusciano

Incendio presso la stazione carabinieri di viale Alessandro Manzoni a Lusciano. Una scintilla e poi le fiamme improvvise si sono generate dal locale all'ingresso della caserma nella postazione del piantone. Il condizionatore è stato avvolto dalle fiamme (divampate questa mattina verso le 8,40) che in pochi secondi si sono propagate all'interno dell'intero ufficio. Provvidenziale la prontezza del carabinieri che, aiutato dai colleghi presenti, ha cercato di sedare il rogo con gli estintori in dotazione.

Il fumo però ha invaso l'intera area ed i carabinieri sono stati costretti a lasciare l'edificio in attesa dell'arrivo dei vigili del fuoco. La squadra dei vigili del fuoco di Aversa con l'ausilio degli autoprotettori si è fatta strada tra le fiamme ed il denso fumo, spegnendo l'incendio. Un corto circuito all'impianto elettrico posto in prossimità del condizionatore è presumibilmente la causa di innesco dell'incendio.

Il rogo localizzato e circoscritto dal celere intervento dei carabinieri prima e dei caschi rossi aversani poi, ha prodotto il danneggiamento parziale del locale - piantone e l'annerimento di alcuni uffici attigui. La stazione è attualmente interdetta al pubblico in attesa dell'opera di salubrità degli ambienti ed il ripristino degli apparati elettrici danneggiati. Il rogo non ha provocato problemi di staticità all'edificio militare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento