rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca Aversa

Processo per duplice omicidio, imputato condotto nel tribunale sbagliato

Caiazzo era atteso in Corte d'Assise a Napoli ma per un errore nella traduzione è stato portato ad Aversa

Imputato condotto nel tribunale sbagliato. Si apre con un rinvio il processo a carico di Raffaele Caiazzo, 45 anni casertano e residente a Sant'Antimo, accusato di aver ucciso genero e nuora, Luigi Cammisa e Maria Brigida Pesacane, rispettivamente marito e moglie dei due figli del killer. 

Per un difetto di traduzione Caiazzo, atteso dinanzi alla Corte d'Assise di Napoli, è stato condotto ad Aversa dove ha sede il tribunale di Napoli Nord. Per questo la Corte (presidente Concetta Cristiano e a latere Paola Valeria Scandone) non ha potuto fare altro che rinviare il processo, aggiornato al 14 febbraio. 

L'8 giugno dell'anno scorso Caiazzo uccise il genero e la nuora. Cammisa venne ucciso in piazzetta Sant’Antonio. Pesacane, invece, fu assassinata in casa sua in via Caruso. Quando il suo corpo venne trovato in casa c'erano anche i figli piccoli della donna, nipoti di Caiazzo. 

Il movente del delitto sarebbe la gelosia. Caiazzo - secondo quanto ricostruito dagli inquirenti - si sarebbe invaghito di Maria Brigida e, sospettando una relazione tra i due cognati, li avrebbe uccisi entrambi. Dopo il delitto si costituì in caserma ammettendo parte delle accuse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo per duplice omicidio, imputato condotto nel tribunale sbagliato

CasertaNews è in caricamento