Droga dei Bellagiò, Merone patteggia la condanna

Il giudice ha inflitto 3 anni per il 44enne. E' ai domiciliari

L'inchiesta sullo spaccio di droga

Tre anni per Costantino Merone, 44 anni, coinvolto nella maxi inchiesta sullo spaccio di droga a Santa Maria Capua Vetere gestito dai Del Gaudio.

Questa la decisione del gip Di Palma del tribunale di Napoli che ha accolto la richiesta di patteggiamento avanzata dal suo difensore, l'avvocato Giuseppe De Lucia, che è riuscito a limitare una condanna che sarebbe stata piuttosto severa. Diversi, infatti, erano gli episodi di spaccio contestati dalla Procura a carico dell'imputato. Merone è ai domiciliari.

Gli altri indagati, tra cui Sonia e Ferdinando Del Gaudio, procedono con l'abbreviato con l'udienza fissata a settembre. Le indagini, svolte tra il 2016 ed il 2017, hanno permesso di accertare l'esistenza di due diversi gruppi dediti allo spaccio di droga, cocaina ed hashish, entrambi facenti capo a Sonia e Ferdinando Del Gaudio. E' stato appurato che i pusher erano vincolati all'acquisto di droga da spacciare dal gruppo Del Gaudio e successivamente provvedevano a distribuirla ai propri clienti. Le piazze di spaccio dove avveniva la cessione dello stupefacente erano nei pressi dell'Anfiteatro ed all'esterno di alcuni bar di Santa Maria Capua Vetere e paesi limitrofi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

  • La Dea bendata bacia il casertano: vinti 100mila euro

Torna su
CasertaNews è in caricamento