rotate-mobile
Cronaca Orta di Atella

I carabinieri 'stoppano' la festa dei Bottari

Carenza di documentazione alla base del rigetto della manifestazione

Rinviata la manifestazione 'Bottari' prevista ad Orta di Atella. Con un provvedimento i carabinieri hanno negato la manifestazione per la carenza di documentazioni e per il fatto che "la richiesta alla Prefettura la richiesta è arrivata appena un giorno prima dell'iniziativa".

A fare luce sull'accaduto è il senatore di Orta di Atella, Giovanni Russo: "Fin dall’inizio delle manifestazioni dei bottari ad Orta di Atella, ho sempre partecipato alle loro esibizioni. Chi conosce la mia storia personale sa bene che da violinista faccio parte di un gruppo di musica napoletana (attualmente, diciamo che sono in aspettativa), e con i bottari ho suonato molte volte. Interpellato da alcuni componenti dei carri, sono stato vicino a questi giovani che pur avendo investito tanto tempo, lavoro e denaro per regalare alla Comunità ortese la loro energia con la loro musica, hanno avuto il diniego alla loro manifestazione dall’Autorità di Pubblica Sicurezza". 

"Questi giovani avevano chiesto aiuto al Comune nella presentazione della documentazione, ma purtroppo, chi avrebbe dovuto guidarli, non è stato molto “affidabile”, ed ai ragazzi è stata vietata la manifestazione perché mancavano alcuni documenti tra cui la “licenza ex art 68 TULPS del sindaco” - ha continuato Russo - e dopo un incontro con una funzionaria avvenuto in Commissariato ad Aversa, abbiamo chiarito anche ai rappresentanti dei Carri quali documentazioni presentare. Fin da ora offro il mio aiuto a questi giovani affinché possano svolgere quanto prima la loro splendida manifestazione. Questi ragazzi ce la stanno mettendo tutta per fare una cosa buona per il nostro Paese. Nonostante la mia disponibilità tuttavia, ho riscontrato da parte dei “professionisti della mistificazione e del vittimismo”, la volontà di voler gettare su di me la croce delle responsabilità del diniego e addirittura di attribuire alla mia persona dei problemi avuti nel 2018. Anche la funzionaria del Commissariato ha smentito tutto questo davanti al vicesindaco Enzo Tosti e ad un altro ragazzo alla fine dell’incontro. Tanto, per rispondere a chi vuole nascondere la propria incompetenza assoluta demonizzando gli altri. Smentisco qualsiasi voce che cerchi di attribuirmi atti di sabotaggio nei confronti di questi ragazzi con poteri amministrativi che tra l’altro non ho io. Personalmente non mi sono tirato indietro, e ne lo farò nei prossimi giorni. Cerchiamo di tenere la politica lontana dai carri dei bottari e diamo una mano a questi ragazzi a far in modo che possano celebrare quanto prima la loro festa. Che poi, è anche la nostra"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri 'stoppano' la festa dei Bottari

CasertaNews è in caricamento