menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di cocaina: in arresto due donne pusher

Maddaloni - I Carabinieri del Nucleo Operativo di Maddaloni hanno tratto in arresto Di Palma Maria, cl. 1948, casalinga con precedenti, e la figlia Di Palma Miele Luisana, cl. 1987, entrambe di Santa Maria a Vico. All'alba di mercoledì 9 i...

I Carabinieri del Nucleo Operativo di Maddaloni hanno tratto in arresto Di Palma Maria, cl. 1948, casalinga con precedenti, e la figlia Di Palma Miele Luisana, cl. 1987, entrambe di Santa Maria a Vico. All'alba di mercoledì 9 i militari hanno eseguito un blitz in via Aldo Moro, presso l'abitazione ove dimorano le due donne, allo scopo di eseguire una perquisizione finalizzata alla ricerca di stupefacenti. Quando i Carabinieri hanno bussato alla porta e la donna si è resa conto di quanto stava per accadere, ha tentato di prendere tempo, ma i militari hanno repentinamente fatto irruzione all'interno impedendo qualsiasi tentativo di far sparire lo stupefacente. A quel punto la donna non ha opposto alcuna resistenza e ha consegnato la droga volontariamente. Si tratta di circa 18 grammi di cocaina divisi in 36 dosi già confezionate, occultate nella sala da pranzo in 4 piccoli contenitori di quelli in cui si trovano le sorprese delle uova di cioccolata. Oltre allo stupefacente sono stati sequestrati anche circa 1.400 euro in contanti, trovati in casa e ritenuti provento dell'attività di spaccio.
L'operazione dei Carabinieri s'inquadra nell'indagine che ha già portato, dal gennaio di quest'anno, all'esecuzione di 3 arresti successivi per spaccio di cocaina ai danni di Di Palma Patrizia, figlia e sorella delle due donne arrestate, e all'arresto di Vigliotti Massimo, bloccato ad Afragola lo scorso aprile dopo due settimane di latitanza. In effetti, nonostante gli arresti già eseguiti, i Carabinieri avevano rilevato la presenza di acquirenti di stupefacenti che continuavano a frequentare la zona; pertanto avevano svolto una serie di servizi di osservazione il cui esito induceva a ritenere che lo spaccio potesse continuare nei pressi dell'abitazione di via Aldo Moro.

All'esito delle formalità di rito la Di Palma Maria è stata tradotta presso la casa circondariale femminile di Pozzuoli, mentre la Di Palma Miele Luisana è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari, poiché la donna ha un figlio di pochi mesi e le sono stati affidati anche i figli della sorella Di Palma Patrizia, attualmente detenuta.
Resta da chiarire in che misura le due donne siano coinvolte nell'attività di spaccio, cioè se fossero già complici della Di Palma Patrizia prima del suo arresto oppure se abbiano assunto la gestione di quest'impresa familiare tutta al femminile solo successivamente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Muore per Covid dopo il ricovero in ospedale: aveva 66 anni

  • Cronaca

    Diocesi in lutto, è morto don Pietro De Felice

  • Cronaca

    Marito e moglie positivi se ne vanno in giro per strada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento