Rompe il braccialetto elettronico e viene arrestato al bar

Era ai domiciliari per stalking nei confronti della nipote

Il personale dell’Ufficio Misure di Prevenzione del Commissariato di Aversa, diretto dal Primo Dirigente Vincenzo Gallozzi, traeva in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli Nord, Raffaele Conte, 68 anni, per l’inasprimento della misura cautelare degli arresti domiciliari. 

L’uomo era stato arrestato la prima volta verso la fine del mese di novembre 2019, perché gravemente indiziato del delitto di stalking nei confronti della nipote, a causa dei comportamenti violenti e vessatori che avevano cagionato alla donna un grave stato di ansia e di paura, facendole addirittura cambiare le proprie abitudini di vita. 

Uno degli episodi violenti si verificò quando l’uomo aggredì la nipote, che era in compagnia della sorella, prima verbalmente e poi fisicamente con calci e pugni all’addome cagionandole lesioni poi giudicate guaribili in 15 giorni. Sottoposto poco dopo alla misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, il 9 febbraio evadeva rompendo il meccanismo che immediatamente segnalava l’allarme. 

Conte veniva rintracciato nei pressi di un bar a Teverola e tratto in arresto per il reato di evasione con sottoposizione nuovamente alla misura degli arresti domiciliari. Considerato il comportamento posto in essere e la trasgressione alla misura impostagli, il Tribunale di Napoli Nord III Sez. Penale, ha inasprito la misura sostituendola con la custodia cautela in carcere. Quest’ultima veniva prontamente eseguita dall’Ufficio MPS del Commissariato di Aversa che traduceva Conte arrestato per la terza volta, presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell’autorità giudiziaria procedente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento