rotate-mobile
CasertaNews

CasertaNews

Redazione

Vesuvio, Manfredi: "Lavoro scientifico di organizzazione criminale"

Napoli - "Ci troviamo di fronte ad un' organizzazione criminale complessa e ben organizzata, queste due foto fatte dall'alto dai corpi speciali dimostrano come nel caso degli incendi del Parco del Vesuvio sia stato fatto un lavoro scientifico che...

"Ci troviamo di fronte ad un' organizzazione criminale complessa e ben organizzata, queste due foto fatte dall'alto dai corpi speciali dimostrano come nel caso degli incendi del Parco del Vesuvio sia stato fatto un lavoro scientifico che richiede impegno e coordinamento di non poche persone. Gli inneschi vengono messi agli estremi e nel mezzo di questo arco virtuale al centro di cui c'è il Parco del Vesuvio". Lo dice il deputato Pd e membro della Commissione Antimafia, Massimiliano Manfredi postando due foto sul suo profilo Facebook. "Questo vuol dire che per spegnere il fuoco bisogna raggiungere i due estremi dall'esterno che stanno agli antipodi, il centro impedisce il collegamento e a sua volta deve essere aggredito da destra e sinistra. Che vuol dire? Che servono almeno il doppio. se non il triplo di mezzi e uomini ed il doppio del tempo dando la possibilità a chi si trova dal lato opposto di continuare ad appiccare fuoco perché nel frattempo brucia la Campania e mezzo Paese e non solo il Parco. Più tempo passa e poi si può alzare vento. Qualcuno crede ancora all'autocombustione dopo queste foto?".

"Spegnere i tanti roghi ancora accesi - dice ancora Manfredi - mettere in sicurezza la popolazione è la priorità, sostenere con ogni sforzo ed essere grati alle donne e agli uomini che a vario titolo sono da due giorni sul campo è un dovere civico e soprattutto morale, trovare e punire i colpevoli in maniera esemplare grazie alle nuove norme introdotte con il Dl degli ecoreati deve essere il segnale concreto che si volta pagina e che le cose possono e devono cambiare".
Si parla di

Vesuvio, Manfredi: "Lavoro scientifico di organizzazione criminale"

CasertaNews è in caricamento