rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
CasertaNews

CasertaNews

Redazione

Ex Macrico, arriva la diffida del commissario Nicolò all'Istituto Diocesano

Caserta - Il commissario straordinario della Città di Caserta Maria Grazia Nicolò ha inviato ieri mattina a don Antonio Aragosa, in qualità di presidente dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero, attuale proprietario dell’area ex Macrico, una...

Il commissario straordinario della Città di Caserta Maria Grazia Nicolò ha inviato ieri mattina a don Antonio Aragosa, in qualità di presidente dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero, attuale proprietario dell’area ex Macrico, una diffida ad eseguire entro trenta giorni “tutti i lavori necessari per la messa in sicurezza e l’eliminazione di eventuali situazioni di degrado atte al verificarsi di ulteriori inconvenienti, a salvaguardia della salute e della privata e pubblica incolumità”. Il provvedimento è stato deciso – si legge nella diffida – dopo le diverse segnalazioni pervenute sia da parte di abitanti della zona che dai Comandi della Polizia Municipale e dei Vigili del Fuoco, intervenuti presso il Macrico a seguito del divampare di un incendio nella giornata di domenica 7 febbraio.

“E’ necessario restituire il Macrico a Caserta, l’incendio dei giorni scorsi è l’ulteriore conferma di una preoccupazione che andiamo manifestando ormai da anni”. Ad affermarlo è Enrico Tresca, ex consigliere comunale Pd ed oggi candidato alle primarie: “Lo abbiamo ribadito più volte in Consiglio comunale promuovendo e sostenendo l’idea della realizzazione di un parco pubblico nell’area di proprietà dell’Istituto di sostentamento del clero. Ad oggi – ha spiegato Tresca - pur essendo di proprietà privata, il Macrico rappresenta un importante polmone verde per Caserta oltre che una fetta rilevante del territorio comunale e noi cittadini non possiamo lasciare che venga abbandonato a sé stesso. Quali che siano state le cause dell’incendio, il discorso cambia poco. Il Macrico è una delle tante occasioni di sviluppo della città che non possiamo perdere”. Il progetto di Rifare l’Italia è chiaro: “Dobbiamo definire a chiare lettere la destinazione dell’area all’interno del Puc, partendo dall’idea che l’intento comune della collettività è quello di realizzare un grande parco pubblico. Fatto questo, l’obiettivo è raccogliere i fondi attraverso la collaborazione con le sfere governative regionali e nazionali che ad oggi sono affidate al nostro partito. La progettazione dell’area – ha concluso Tresca – la si dovrà affidare attraverso un concorso internazionale onde attirare sul Macrico, l’attenzione dei più grandi professionisti del campo”.

Oggi, mercoledì 10 febbraio, alle ore 16, presso la Sala riunioni del Consiglio regionale della Campania (Centro direzionale isola F8, 6° piano), la III Commissione speciale ‘Terra dei Fuochi, bonifiche ed ecomafie’ presieduta dal consigliere regionale Gianpiero Zinzi, si riunirà per discutere dell’incendio di rifiuti che ha interessato qualche giorno fa l’area denominata ex Macrico, sita nel Comune di Caserta. “Da casertano e da presidente della Commissione Terra dei Fuochi ritengo fondamentale – ha dichiarato Zinzi – fare il punto della situazione e fornire il nostro contributo alla discussione sullo stato in cui versa l’ex area di deposito mezzi corazzati dell’Esercito”.

Si parla di

Ex Macrico, arriva la diffida del commissario Nicolò all'Istituto Diocesano

CasertaNews è in caricamento