Borrelli al Comunale con "Malacrescita"

Martedì 21 gennaio alle 20,45 al Teatro Comunale di Caserta, Mimmo Borrelli poerterà in scena Malacrescita.

La storia è quella di tale Maria Sibilla Ascione: ignara e innocente bambina, nel nome già destinata ad una condizione di metà Vergine innocente, metà Maga, strega furente. La bambina viene segnata dalle barbarie maschili fin dall’età di sette anni, quando il padre stesso per ignoranza e vuoi anche ingenuità, nella corsa frenetica di proliferare maggiormente anche col raccolto, inizia “pompare” i propri pomodori, in tal caso con degli estrogeni formidabili che ne accelerano la crescita in pochi giorni. Costui però ignaro degli effetti collaterali che questi possono avere su di una creatura di pochi anni e nel pieno dello sviluppo, ne fa mangiare tanti alla piccola Maria Sibilla, in miriadi di salse. In tal modo la poverina ne acquisisce rapidamente le stesse sintomatiche accelerazioni della crescita, che le determinano un afflusso di mestruo precoce. Innocenza segnata nella vendetta. Vendetta segnata dal sangue, tra pareti esterne delle cave oscure dell’utero femminile, fin dall’infanzia. La nostra bambina cresce diventando una bellissima, intelligente, arguta adolescente, affascinata dal luccichio impolverato della curiosità libresca. Ma è a questo punto che arriva l’Anticristo, il Giasone risorto dai libri di scuola, tale Francesco Schiavone detto Santokanne: intraprendente bulletto di periferia determinato e disposto a tutto, per favorire la sua ascesa al potere, tra le fila delle cosche camorristiche. Di costui Maria s’innamora perdutamente e per lui compie ogni misfatto. La poverina per lui dunque distrugge se stessa e la sua famiglia uccidendo il fratello e facendo morire di crepacuore e collera il padre, fugge via e si nasconde straniera ed esule a Cuma: la terra dei suoi nonni dove però vi ritorna esule, scacciata e perseguitata da tutti. Qui nella sua latitante clausura rimane incinta. Nove mesi di vomitevoli strazi mentre Santokanne come un gallo sull’immonda “compostata” aia del tradimento, intrattiene fughe amorose con diverse donne del paese, senza curarsi della poverina e del suo grembo insozzato da un seme che non riconosce più come magico, amoroso e fertilizzante divino, ma come veleno letale da sputar via dalle grandi e piccole labbra stesse della propria vagina, ustionata e scottata da un amore mal corrisposto, come un bolo catarroso di muco verdastro. “Non hai saputo far la madre questa brutta crescita è figlia del tuo malriuscito modo di esser prima donna poi mamma”. Nonostante queste parole terribili del marito in momenti di euforata ubriachezza, Maria si fa di nuovo abbindolare, da false promesse e porta avanti la gravidanza e nonostante anche i tentativi di aborto, mediante espedienti sia magici che medici, pensati, ma mai messi e fino in fondo sommessi in atto, alla fine partorisce due gemelli. Le conseguenze sono gravissime. La madre assassina sopita e aggressiva, la parte maschile sempre segregata ed erroneamente riposta nel subconscio del femminile dalla bigotteria della fede: viene fuori. Viene fuori il mostro: colui che è segnato da Dio e di cui bisogna sempre avere paura. Maria in un momento di follia, attribuendo all’invidia ed alla fascinazione maligna di una gatta e non alla cattiva denutrizione, la colpa di un latitante turgore dei seni, dunque di una mancanza del latte materno in periodo di allattamento: decide e comincia ad allattare o meglio “avvinazzare” periodicamente, ritualmente come in una messa pagana i figli neonati di parto gemellare, per l’appunto con del vino, riducendoli in due mostri, completamente scemi e distruggendo così definitivamente la stirpe di Santokanne-Giasone, pur senza ammazzarli.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Quartieri spagnoli", lo spettacolo debutta al "Caserta Città di Pace"

    • oggi e domani
    • dal 17 al 18 ottobre 2020
    • Teatro Città di Pace
  • A Palazzo Fazio riparte la stagione di teatro e danza

    • dal 8 novembre 2020 al 21 giugno 2021
    • Palazzo Fazio

I più visti

  • Visite al Palazzo Filangieri per le Giornate Fai d'Autunno

    • oggi e domani
    • dal 17 al 18 ottobre 2020
    • Palazzo Filangieri de Candida Gonzaga
  • Riapre il Museo di Parete con le 'Presenze Contemporanee'

    • dal 11 ottobre al 22 novembre 2020
    • Parete Art Museum
  • Dinosauri alla Reggia fino al 2 novembre

    • dal 17 ottobre al 2 novembre 2020
    • Parco Maria Carolina
  • "La repubblica di Arlecchino", il contrasto Stato-Regioni nel libro di Landolfi

    • solo oggi
    • Gratis
    • 17 ottobre 2020
    • Biblioteca Comunale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    CasertaNews è in caricamento