rotate-mobile
Salute Castel Volturno

Da Houston alla clinica casertana: protesi impiantata grazie alla matematica

Intervento al ginocchio al Pineta Grande con una tecnica mai vista in Europa

Presso il Pineta Grande Hospital è stato effettuato per la prima volta in Europa un intervento di protesi al ginocchio con un'innovativa tecnica di allineamento personalizzato dell’arto.

Si tratta di una tecnica che consente, attraverso dati e calcoli matematici, di definire sezioni di taglio personalizzate che si adattano precisamente alla geometria e alla forma del singolo paziente.

L’operazione, perfettamente riuscita, è stata eseguita dal professor Bruno Violante, specialista in Ortopedia e Traumatologia, e seguita dai soci fondatori della Lento Medical Innovation di Houston, azienda leader per tecniche innovative avanzate per la chirurgia ortopedica.

La Lento Medical Innovation di Houston ha sottoposto ad una serie di calcoli matematici i dati rilevati dalla risonanza magnetica dell'intero arto del paziente e ha definito le sezioni angolari e i livelli di profondità di taglio femorali e tibiali utili ad inserire l'impianto protesico secondo un allineamento personalizzato dell'intero arto inferiore (Boundary Alignement).

Molteplici i vantaggi di questa innovativa tecnica, tra i quali certamente l’allineamento della gamba, l’assenza di deformità postoperatoria,  l'inesistenza di fori nel femore, in quanto non necessaria alcuna linea guida fondamentale in altre tecniche chirurgiche, e i tempi di sala operatoria ridotti.

"Il Pineta Grande Hospital sostiene da sempre la ricerca e l'innovazione sanitaria ed è costantemente proiettato verso nuovi obiettivi  - dichiara Vincenzo Schiavone, presidente del gruppo “La Nuova Domiziana s.p.a” di cui fa parte la struttura del litorale domitio -. E’ con grande orgoglio che accogliamo e presentiamo questo nuovo traguardo, risultato raggiunto grazie all'incessante ricerca e agli straordinari professionisti del Pineta Grande Hospital".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Houston alla clinica casertana: protesi impiantata grazie alla matematica

CasertaNews è in caricamento