Coronavirus, l'apertura delle scuole "non prima del 14 settembre"

L'assessore Fortini: "Sono particolarmente contraria all’inizio del prossimo anno scolastico il 1° settembre"

Se l'anno scolastico ancora in corso non vedrà certamente il ritorno degli studenti tra i banchi di scuola a causa dell'epidemia da coronavirus, in Regione Campania si sta iniziando a pensare alla data della riapertura delle scuole per l'anno scolastico 2020-2021. Sulla questione è intervenuta l'assessore regionale all'Istruzione, Lucia Fortini: "Sono particolarmente contraria all’inizio del prossimo anno scolastico il 1° settembre - ha dichiarato in un’intervista rilasciata a Canale 9 - E' ovvio che è una decisione che prenderemo di concerto con le altre Regioni, ma so che anche altri assessori regionali la pensano più o meno allo stesso modo. Sarebbe secondo me un errore, in Campania non siamo per niente orientati all’apertura della scuola prima del 14 settembre”.

“Ovviamente in questa situazione non è stato ancora approvato il calendario scolastico, ma cominciare il 1° settembre non mi sembra fattibile. Se poi - ha proseguito l’assessore Fortini - questa data è stata definita dal MIUR come giorno in cui iniziare una serie di attività di preparazione, allora il discorso è differente. Con l’eventualità del distanziamento sociale poi serviranno modalità alternative, perché nessuno deve rimanere indietro: dobbiamo utilizzare le buone pratiche per un’ampia riflessione che ci faccia capire gli strumenti indispensabili per ripensare l’approccio didattico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In ogni caso - ha concluso Fortini - voglio dire che le scuole sono state eccezionali in questo arco di tempo: molti docenti non sono giovanissimi e con la tecnologia potevano avere qualche difficoltà. La didattica a distanza crea problemi a tutti, per il prossimo anno bisogna creare condizioni migliori perché i ragazzi e i dirigenti scolastici possano operare nella maniera più serena possibile. Ma non facciamoci prendere dall’ansia del tempo perso: difficilmente potremo recuperare questi mesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus da 250 euro per gli studenti universitari, al via le domande

  • Vaccini, tamponi veloci e nuove aule: ecco come si prepara il ritorno a scuola

  • L'Aeronautica premia l'istituto 'Falco' di Capua: vince il modello 3D di un satellite radar | FOTO

  • L'attrice Anna Mazzamauro presenta il suo libro agli studenti del liceo Manzoni

Torna su
CasertaNews è in caricamento