Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

De Filippo: “Interporto pagherà, altrimenti salta intesa”. Nuovi assunzioni in Comune: “Struttura inefficace ed inefficiente” | VIDEO

 

Un processo di “normalizzazione in atto” e la volontà di mettere in chiaro un percorso di “trasparenza nei fatti oltre che nelle parole. E’ il resoconto di un anno di amministrazione comunale tracciato da Andrea De Filippo, sindaco di Maddaloni, nel corso della conferenza stampa di fine anno convocata per oggi. Il primo cittadino non ha lesinato parole dure nei confronti di una “struttura burocratica inefficace ed inefficiente” che oggi vede meno della metà dei dipendenti in organico (120 contro i 230 previsti dalla pianta organica) e che a breve potrebbe essere rinforzata dai nuovi dirigenti all’Ufficio Tecnico (“per il cui concorso sono stati scelti tre docenti di Bari, proprio per la massima trasparenza” ha sottolineato il sindaco) ed all’Ambiente (“il concorso sarà bandito ad inizio 2020”). A questi si dovrebbero aggiungere oltre una ventina di persone che dovrebbe giungere a Maddaloni tramite il ‘corso-concorso’ della Regione Camlpania.

“Avremo potuto gestire queste assunzioni direttamente ma abbiamo voluto praticare la trasparenza tanto decantata da altri” ha sottolineato De Filippo, che poi ha voluto rimarcare i risultati importanti degli accordi con Rfi e Interporto, spiegando anche di essere tranquillo nonostante il ritardo nei pagamenti: “L’Interporto ha tempo fino a febbraio per saldare e sono convinto che pagherà. Altrimenti l’accordo, che ci ha permesso di recuperare 14 milioni di euro, salterà e noi andremo avanti coi decreti ingiuntivi”.

Novità anche sul mercato ortofrutticolo, che dovrebbe riaprire dopo i lavori ad inizio gennaio, ma il sindaco manda un messaggio chiaro agli operatori: “Mi attendo che dopo la riapertura tutti saldino il pregresso perché sono già pronte anche le lettere di revoca delle singole concessioni in casi di mancati adempimenti”. Il sindaco (accompagnato dagli assessori della sua giunta) a poi parlato anche della zona a traffico limitato (“si farà presto”) e dei parcheggi a pagamento: “A gennaio si partirà”.

Copyright 2019 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento