Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli a raffica sui riders per le consegne a domicilio | VIDEO

 

Il food delivery 'impazza' ai tempi del coronavirus e con esso lo sfruttamento dei riders. Dopo il commissariamento (disposto dal Tribunale di Milano) di Uber Italy srl, la filiale italiana del gruppo americano, per caporalato, in particolare per lo sfruttamento dei riders addetti alle consegne di cibo (pagati addirittura 3 euro a consegna indipendentemente dal giorno e dall'ora), aumentano i controlli in tutta Italia da parte dei carabinieri, nell'ambito dell'indagine sul caporalato.

Durante il fine settimana, infatti, i carabinieri del Comando Tutela Lavoro e di tutti i Comandi provinciali dell’Arma sul territorio nazionale hanno intervistato oltre mille riders, operanti per le principali piattaforme virtuali del food delivery, al fine di acquisire informazioni utili alle indagini in corso, delegate all’unita specializzata dell’Arma dalla Procura della Repubblica di Milano, sulla gestione del rapporto di lavoro da parte delle citate “piattaforme“.

Le attività dei carabinieri si sono svolte su strada e contestualmente in tutte le province ed hanno consentito di “fotografare”, attraverso la voce dei lavoratori e delle condizioni reali constatate sul territorio, le modalità di svolgimento del servizio e le forme di tutela loro garantite, sia sotto il profilo della sicurezza che sanitario.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento