Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Finanza sequestra oltre 14 tonnellate di esplosivo | VIDEO

 

Tonnellate di esplosivo detenute senza l’adozione delle necessarie cautele e destinate alle cave del casertano, scatta il sequestro da parte della guardia di finanza. Le Fiamme Gialle del gruppo di Cassino, nello sviluppo di elementi informativi relativi a violazioni della normativa “accord dangereuses route”, che disciplina il trasporto internazionale di merci su strada, hanno individuato un’attività di trasbordo di una ingente quantità di esplosivo da un furgone ad un autoarticolato (entrambi di proprietà di una società di produzione di materiale esplodente), effettuata all’interno di un’area di parcheggio aperta al pubblico e adiacente ad esercizi commerciali e abitazioni private, sita in località San Cesareo, tra i comuni di Rocca d'Evandro e San Vittore.

I finanzieri, rilevata l’assenza di una guardia giurata di scorta alle operazioni di trasbordo dell’esplosivo e delle prescritte autorizzazioni e comunicazioni alle competenti autorità, hanno esteso il controllo presso lo stabilimento di produzione del materiale in questione, al fine di verificare il rispetto della normativa di pubblica sicurezza che disciplina la produzione, lo stoccaggio ed il trasporto su strada del materiale esplosivo. Le specifiche operazioni di controllo hanno consentito di acquisire elementi sulla presenza di possibili violazioni in materia ambientale nella gestione del sito di produzione, motivo per cui le Fiamme Gialle hanno richiesto l’intervento dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Frosinone e di funzionari dell’Arpa Lazio, i quali hanno riscontrato l’assenza delle prescritte autorizzazioni per l’immissione di fumi nell’atmosfera e per lo scarico delle acque reflue industriali.

Al termine delle operazioni di servizio, i finanzieri hanno proceduto al sequestro di oltre 14 tonnellate di esplosivo, di tipo mina, oggetto di trasbordo dal furgone di minore portata all’autoarticolato, nonché dell’impianto di produzione dello stesso materiale, mentre il rappresentante legale della società, V.M. di 85 anni, residente ad Arpino, è stato denunciato all’autorità giudiziaria di Cassino per la fattispecie di “fabbricazione abusiva di materiale esplodente” e per reati in materia ambientale.

L’eventuale esplosione del materiale sequestrato durante le operazioni di trasbordo avrebbe sicuramente provocato seri danni alle persone, alle abitazioni e ai locali commerciali ubicati in un’ampia area, coinvolgendo, altresì, la circolazione dei veicoli lungo l’autostrada Roma-Napoli.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento