rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024

Scopriamo le chiacchiere di Carnevale della pasticceria Laisa | VIDEO

Sono il dolce tipico del Carnevale. Sfoglie fritte cosparse di zucchero a velo. Cosa sono? Ovviamente le chiacchiere! Ognuno ha la sua ricetta, noi scopriamo quella della Pasticceria Laisa, di Pasquale e Fabiola, di corso Aldo Moro a Santa Maria Capua Vetere.

La versione che propongono il responsabile di pasticceria Pasquale Laisa e il pasticciere Nicola Merola è diversa rispetto alle altre, anche nel modo di tagliare le chiacchiere e sul formato. Molti le fanno rettangolari con al centro un taglio invece Pasquale le bucherella ovunque. Lui da sempre le ha fatte così. Quel che è certo è che sono buonissime.

Pasquale Laisa, classe 1967, è in pasticceria da quando aveva 7 anni. "Altri tempi" dice. Originario di Aversa, sotto casa sua c'era una pasticceria rinomata della zona. E a lui quei profumi e quei dolci in vetrina piacevano così tanto che aveva deciso di curiosare. Diventato amico del titolare, un pasticcere napoletano, iniziò ad osservare il lavoro con sempre più interesse. "Ero piccolo e ovviamente all'inizio mi permetteva ben poco, solo di aiutarlo con gli ingredienti o al bancone, poi però la svolta. Gli anni sono passati e mi sono trasferito a Santa Maria Capua Vetere, ho aperto la prima pasticceria in un portone, facevo 'casa e puteca', poi il trasferimento dietro al tribunale penale e quindi la decisione di mettermi in proprio e di aprire la pasticceria a Curti insieme a mia moglie Fabiola. Da novembre 2019, invece, ci siamo spostati in corso Aldo Moro a Santa Maria Capua Vetere".

Ogni giorno sforna dolci prelibati, soprattutto le polacche aversane, tipiche della sua zona d'origine e apprezzate dai suoi clienti quasi più dei cornetti. Inoltre ha la sua versione del Sospiro d'Angelo e una millefoglie alla nocciola davvero squisita. Rinomato anche per i taralli dell'Assunta che negli anni prepara anche in modo originale, da quello afrodisiaco o al gusto bacio ma anche quello 'anti-Covid'. Le idee non mancano insomma. E ovviamente anche in questo periodo dell'anno la sua pasticceria è piena di dolci tipici: migliaccio, castagnole, sanguinaccio (rigorosamente solo con crema al cioccolato) e le immancabili chiacchiere.

Per preparare le chiacchiare con 1 kg di farina servono 20 grammi di sale, 100 grammi di zucchero, 200 grammi di burro, 3 uova, 150 grammi di vino bianco, 2 grammi di vanillina, 1 limone e 1 arancia biologici. Unire tutti gli ingredienti ad eccezione di uova e vino e iniziare ad impastare, poi aggiungiamo le uova e il vino bianco. Impastiamo fino ad ottenere un panetto compatto non soffice. Quindi lasciare riposare per circa 30 minuti.

Prendiamo l'impasto riposato e lo stendiamo con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia di non più di mezzo centimetro di spessore. Poi punzecchiarlo dappertutto, così da evitare che le chiacchiere si gonfino troppo al momento di friggerle; e poi tagliare la pasta in modo tale da ottenere le forme rettangolari classiche delle chiacchiere. Poi immergere le chiacchiere, tirandole un po', in olio di semi di girasole caldo (circa 170 gradi di temperatura), attendere un paio di minuti per lato (fin quando le chiacchiere non assumono un colore dorato), quindi toglierle dall'olio e metterle su carta assorbente o comunque in un contenitore che permetta di far gocciolare l'olio in eccesso.

Chiacchiere Pasticceria Laisa Santa Maria Capua Vetere

Quindi far raffreddare e cospargerle di zucchero a velo oppure guarnire con cioccolato fondente sciolto o creme di altro tipo (pistacchio, cioccolato bianco, ecc.) immergendo metà chiacchiera e poi posizionandola su una placca d'acciaio o su un foglio trasparente per alimenti in modo tale da non attaccarsi ed eventualmente guarnirle con i 'diavolini' di zucchero colorati per la versione Arlecchino che tanto piacciono ai bambini.

Ovviamente in questi giorni Pasquale, con l'aiuto del genero Nicola, del figlio Vincenzo Pio, a cui ha trasmesso la passione per la pasticceria, e con la moglie Fabiola (la loro dolce unione dura da ben 34 anni), preparerà chili e chili di chiacchiere. Non resta che assaggiarle perché sono davvero buonissime e per tutti i gusti.

Copyright 2023 Citynews

Video popolari

CasertaNews è in caricamento