Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ministro alla Reggia: "Un dirigente con poteri speciali per sbloccare le gare. Con Terrae Motus dobbiamo rischiare" / VIDEO

 

Un’esperienza “diversa” della Reggia di Caserta, vissuta in prima persona per rendersi conto dei punti di forza e dei difetti da risolvere.

Un pomeriggio da ‘turista speciale’ quello vissuto oggi dal ministro ai Beni Culturali Alberto Bonisoli che, accompagnato dal reggente Antonio Lampis col funzionario Vincenzo Mazzarella a fare da Cicerone, ha visitato il palazzo reale realizzato da Luigi Vanvitelli.

Non sono mancati gli spunti interessanti nel corso del suo tour, concluso nel teatro di corte. “Io sono stato il primo a sottovalutare il valore paesaggistico della Reggia, come si incastra con la città. E questo è sicuramente un qualcosa che ne aumenta il valore”. E su cui dovrà puntare la nuova direttrice Tiziana Maffei (che dovrebbe insediarsi a fine mese) che avrà un compito non semplice: quello di coniugare le visite alla sicurezza di edifici, visitatori e personale. “E’ fondamentale pensare all’esperienza che si vuole regalare al turista - ha affermato il ministro - Io sono felice se arrivano a Caserta migliaia di persone, ma bisogna anche ragionare sul fatto che tante persone nel stesso momento possano godersi il palazzo reale nel migliore dei modi”.

Bonisoli ha poi annunciato che ci sono già pronti oltre 10 milioni di investimento e che si aspettano le gare, che saranno gestite “da un dirigente amministrativo che nominerà il Ministero e che inizierà a lavorare a gennaio del prossimo anno. Sarà una nuova figura, con adeguati poteri e capacità, che servirà per gestire il lavoro in una certa maniera. Un provvedimento simile sarà adottato anche per Pompei”.

Il ministro ha poi sottolineato di “aver già chiesto alla nuova direttrice di fare un ragionamento a parte su Terrae Motus. Si affidi ad un curatore che abbia voglia di rischiare e che la racconti in un modo in cui non l’abbiamo mai visto”. E sul futuro della collezione è netto: “Resterà a Caserta, gli atti parlano chiaro”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento