Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Renzi da Caserta lancia la sfida: "Tra poco toccherà di nuovo a noi" | VIDEO

 

“Preparatevi, perché tra poco toccherà di nuovo a noi”. E’ il messaggio che Matteo Renzi ha lanciato da Caserta ad una platea molto folta giunta alla Camera di Commercio per assistere alla presentazione del libro “Un’altra strada”.

Quello dell’ex premier (accompagnato da Maria Elena Boschi ed accolto, tra gli altri, da Pina Picierno, Stefano Graziano e Nicola Caputo) è stato, come al solito, una sorta di show, con battute ed ironia per punzecchiare, non solo il governo Lega-5 Stelle, ma anche qualche suo compagno di partito. “Mi hanno fatto la guerra dopo che ho vinto due volte le Primarie. Hanno fatto la guerra al Matteo sbagliato, perché per attaccare me hanno permesso a Salvini di arrivare al governo”. E ad Enrico Letta ha ricordato: “Il cambio di governo - ha affermato - è stato fatto perché l’Italia era a -1,7% non per l’hashtag ‘Stai sereno’ che ormai non posso più utilizzare altrimenti mi querelano” sottolinea tra gli applausi.

Renzi ha poi attaccato in maniera frontale Matteo Salvini: “E’ uno che non risolve i problemi. Come ad esempio sull’immigrazione. L’unico modo che abbiamo davvero per gestire l’immigrazione è investire nelle regole ed evitare di creare campi di lavoro e di sfruttamento come talvolta ci sono stati in alcune zone del nostro territorio e la nostra legge sul caporalato va in quella direzione. Invece Salvini gioca sulla paura, perché è semplice. Ma noi non siamo questi, non siamo mai stati questi”.

Dopo ha puntato l’indice contro i 5 Stelle e, dopo aver ironizzato sulle capacità del ministro Tolinelli e del vice premier Di Maio (“se vuole lo sfido in italiano, gli do 3 congiuntivi di vantaggio” ha scherzato) ha attaccato: “Il reddito di cittadinanza sarà un fallimento. Ma se a Caserta ci sono tre posti di lavoro, ci sarebbe bisogno di un navigator per trovare un lavoro? Qui bisogna garantire gli investimenti e portare gli imprenditori ad investire a Caserta”.

Ed ha concluso: “La crescita economica che ci hanno promesso non ci sarà e nel prossimo anno saranno costretti a trovare 40 miliardi per evitare l’aumento dell’Iva. Perciò vi dico, preparatevi che tra poco toccherà di nuovo a noi. Io vi chiedo di non rassegnarvi, noi lavoreremo nei prossimi mesi coi comitati civici, con grande entusiasmo, così come abbiamo fatto nel 2012. I Salvini passano, i valori restano”.

Al termine della presentazione, Renzi ha incontrato anche una delegazione del Centro Sociale che, negli stessi momenti, stava marciando per le strade di Caserta per chiedere un intervento veloce alla Regione Campania dopo il sequestro dell’ex Canapificio, dove è stato creato il modello Sprar, voluto e sostenuto proprio dal governo Renzi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento