Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il business dei migranti che coinvolge politici e funzionari: ecco come vivevano gli stranieri I VIDEO

 

Sono accusati a vario titolo di associazione delinquere finalizzata alla corruzione di dipendenti pubblici o incaricati di un pubblico servizio, estorsione, truffa ai danni dello Stato e Enti Pubblici, frode in pubbliche forniture, abuso d’ufficio, malversazione ai danni dello Stato, emissione ed utilizzo di fatture false. Sono queste le pesanti accuse per i 25 indagati finiti al centro dell’indagine condotta dai militari della Guardia di Finanza e degli agenti della Squadra Mobile di Cassino su delega della locale Procura su numerose condotte illecite nella gestione dell’accoglienza dei rifugiati sia nel Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) che in quello dei Centri di Accoglienza Straordinari (CAS).

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento